Bassa autostima: i 10 esercizi per aumentarla

Bassa autostima: i 10 esercizi per aumentarla

L’epoca in cui viviamo fatta di insoddisfazioni, di obiettivi apparentemente mai raggiungibili, di rapporti sentimentali e lavorativi precari, spesso porta a sentirci delle carabattole, a chiuderci in noi stessi e vedere il mondo fuori come una minaccia. La bassa autostima è il primo sinonimo del malessere dell’animo di ogni uomo.
Dopo vari tentativi, la via più giusta da percorrere sembra quella dello psicoterapeuta, ma come possiamo aiutarci in autonomia?

Ecco alcuni esercizi strategici per ritrovare la fiducia in sé stessi e vivere meglio con gli altri.

[advertise id=”hello-amazon”]

1-  Forze e debolezze

La prima cosa fondamentale è porsi delle domande e individuare i punti di debolezza che ci attanagliano. Sarebbe consigliabile, ogni sera, appuntarsi su un nuovo quadernetto (con una nuova penna) i “talloni di Achille” e cominciare man mano a depennare quelli superati. Non bisogna dimenticare di sottolineare gli aspetti positivi dell’animo e quelli esteriori, e puntare su di essi.
“Ho oltre 35 anni e ho poche rughe”, “Non ho i capelli grassi”, “Porto gli occhiali, ma riesco a vedere il mondo da due punti di vista”: se il vostro quadernetto colorato riporta almeno un paio di  questi appunti siamo sulla retta via.

2 – Mens sana in corpore sano

Avevano ragione i latini: mente e corpo vanno a braccetto. Infilarsi i calzoncini e andare a correre di sera nel primo parchetto vicino casa, sfidare la paura di mostrare il fisico a clessidra o le gambette magre in piscina, è da grandi eroi.
Sentirsi in forma ci fa sentire più belli e consapevoli del nostro valore esteriore.
Da non sottovalutare le endorfine che vengono rilasciate dall’ipofisi dopo un’intensa attività sportiva, in grado di provocare buon umore. Addirittura in alcuni particolari casi si parla di runner’s high, ovvero sballo del corridore: quella sensazione di benessere ed euforia provata dopo uno sforzo fisico prolungato (per alcuni soggetti, in realtà, basta anche una corsa di 40 minuti).

3- L’aspetto fisico: sono bello anche io

Non c’è forma senza bellezza.
Se ci sentiamo belli, non è escluso che gli altri ci vedano come degli adoni o delle veneri.
Per le donne: potrebbe essere utile recarsi nella prima profumeria nei pressi di casa e fare man bassa di creme e trucchi, provare nuove soluzioni make up per far risaltare le parti belle del corpo.
Per gli uomini: se sei della scuola “trasandato è meglio”, bada bene che rinnovare il guardaroba e darsi non fa poi tanto male. Sistemarsi con un bel pantalone, un nuovo maglioncino e delle scarpette interessanti che non siano le solite scarpe da ginnastica, giova agli occhi e all’animo.

4- Keep calm and carry on!

Non deve essere solo uno slogan da lasciare tra le righe dei libri di storia o in qualche immagine condivisa su Facebook. Pensare positivo è l’unico modo per andare avanti ogni mattina e riprendere la sicurezza di sé stessi.

5 – Sorridere

Sorridi a tutti, senza pregiudizi. Se sorridi sarai ricambiato ed anche chi non ti conosce comincerà ad avere più fiducia in te e ad approcciare con più disinvoltura.
L’autoironia, poi, è l’arma per affrontare ogni timidezza ed ogni bassa autostima. Se prendi una storta davanti all’uomo dei tuoi sogni, non vergognart: rialzati e sorridi con lui dell’inconveniente.

6- Agire

Non esistono i “mai” e nemmeno gli “assolutamente”. Il mondo non è tutto bianco o tutto nero, è nelle sfumature che si vede un barlume di luce. Tutto è possibile nella vita. Se sei pigrone, è bene che cominci ad accettare gli inviti, ad uscire e prendere iniziative e sforzarti di farlo anche se al momento è l’ultimo dei tuoi pensieri. Alza il telefono e senti un amico che non vedi da tempo, può essere il motivo in più per conoscere gente nuova, avere stimoli per parlare con estranei e palesare i lati positivi del tuo carattere. E poi, lo diceva anche Aristotele: l’uomo è un “animale sociale”, abbiamo sempre bisogno del confronto altrui.

7- No limits!

Lanciarsi in attività gradevoli e sfidanti mai provate prima d’ora: fare un viaggio da soli in auto, non vergognarsi di cantare in pubblico, recitare una poesia davanti a degli sconosciuti, provare a tuffarsi in piscina se si ha paura di nuotare. Imporsi degli obiettivi e raggiungerli step by step, è la chiave per acquisire fiducia e stimarsi.

8- Essere utili

Dedicarsi ad attività di volontariato può aumentare l’autostima: adotta un bambino a distanza; se sai suonare uno strumento portalo con te nel tempo libero per deliziare le orecchie di qualche anziano in un’ospizio; sii la voce dei libri per gente non vedente. Sentirsi utili per gli altri e ricevere complimenti, fa sì che l’autostima raggiunga picchi elevati.

9 – La gente giusta al momento giusto

Se stai attraversando un periodo buio della tua vita, sarebbe bene frequentare la gente giusta, quella positiva, ambiziosa e speranzosa che ti esorta ad esplorare la nuova vita. Bandita la gente fatalista e negativa, serve solo ad accompagnarvi in modo edulcorato verso il baratro.

10 – No ai social network

Per un breve periodo (se più lungo, ancora meglio), è consigliabile non accedere ai social network – soprattutto a Facebook. Sarà rigenerante. La distorsione della realtà che i nostri “amici” ci mostrano tramite foto o post, è così elevata che può portare a depressione e bassa autostima.
La realtà è un’altra: quella che ci emoziona, quella che è davanti ai nostri occhi, nel sorriso di un amico, quella che sfioriamo ogni giorno con le mani.