Foto di luoghi abbandonati prima che la Natura li ricopra per sempre

Foto di luoghi abbandonati prima che la Natura li ricopra per sempre

Come immortalare il tempo che passa, le cose che invecchiano, la Natura che imperversa, in un solo, singolo istante fotografico

Anna Mika è una giovanissima fotografa polacca di 26 anni. Viene dal voivodato della Slesia, ed è qui che ha mosso i suoi primi passi. In lunghe passeggiate con la macchina fotografica in cerca di ispirazione, un giorno, di quasi due anni fa, si imbatte in una fabbrica abbandonata di Jaworzno.

Quel posto la attira per la sua desolazione. “C’è qualcosa di attraente nei posti abbandonati, si sente il passato, è in tutto, anche nel loro odore particolare.”

Da quel momento dà vita a un originale progetto che non si ferma soltanto alla sua Slesia, ma si spinge oltre i confini polacchi. I luoghi abbandonati di Anna sono la perfetta sintesi del tempo che incede inesorabile, del ricordo e dell’oblio. Fabbriche, ospedali, miniere, palestre, posti che una volta erano frequentati e ora, abbandonati, sono fotografati prima di essere sepolti dalla Natura inclemente che come dice la stessa Anna “li richiama a sé”.

Tutte le sue fotografie, premiate ai più importanti festival europei, si possono ammirare sul suo sito personale.

“Sono convinta che ci sia una bellezza misteriosa in questi posti che la maggior parte della gente non riconosce o non riesce a cogliere.” E vedendo queste istantanee è difficile non commuoversi per la sorte di questi edifici abbandonati che sembrano vivere, poco prima di scomparire per sempre, di vita propria.

Immagine via Facebook