Cibi consigliati in menopausa, ecco quali mangiare

Cibi consigliati in menopausa, ecco quali mangiare

La menopausa è un momento fisiologico che coinvolge ogni donna.
I sintomi sono comuni, ma alcune donne possono percepirli più intensamente di altre. Parliamo di ansia, palpitazioni, vampate, arrivo dell’osteoporosi, irritabilità e molti altri.
Esistono dei cibi che possono aiutare ad attenuare questi sintomi. Ecco quali sono.

Legumi
Alcuni legumi come la soia, soprattutto, i fagioli, i ceci, le lenticchie, i piselli contengono gli isoflavoni, sostanze importanti che aiutano a regolare l’equilibrio ormonale e a facilitare la circolazione sanguigna. In menopausa sono indicati per attenuare gli sbalzi ormonali e le vampate di calore.

legumi

Frutta secca
Le mandorle, in particolare, ma anche noci e nocciole contengono il boro, utile per sintetizzare il calcio nell’organismo ed evitare la comparsa di osteoporosi.

frutta secca

Cavolo
Tutti i tipi di cavolo, come il cappuccio, ma anche i cavoletti di Bruxelles sono indicati in menopausa per via della  presenza di antiossidanti, vitamine come C, E e quelle de gruppo B, e fibre.

cavolo

Yogurt
Contiene vitamina D e calcio, importanti per la donna in menopausa che tende a perdere queste due sostanze arrivando anche all’osteoporosi. Preferire yogurt magri (con minore presenza di grassi) con fermenti lattici vivi.

Yogurt

Finocchi
Contengono fitoestrogeni che aiutano ad equilibrare il sistema ormonale (il finocchio è in effetti indicato anche durante il ciclo mestruale per alleviare i dolori). Inoltre, i finocchi sono ricchi di acqua, indispensabile durante la menopausa.

Finocchi

Altri cibi consigliati in menopausa che non dovrebbero mancare nell’alimentazione di una donna sono l’acqua e la frutta – anch’essa molto ricca di acqua – che serve a ripristinare i sali minerali persi magari durante la sudorazione per via delle vampate di calore. Bisogna, inoltre, ricordarsi che l’acqua riesce ad equilibrare il sistema ormonale. Vanno menzionate anche le patate, ricche di amido che si collocano tra i cibi che saziano facilmente, e le carote. Entrambe consumate accompagnandole ad altre verdure in insalata, oppure lessate con un giro d’olio.