Da dove derivano i nomi dei cibi che mangiamo?

Da dove derivano i nomi dei cibi che mangiamo?

Ti è mai capitato di pensare da dove derivino alcuni nomi dei cibi che mangiamo ogni giorno? Il più delle volte la risposta si trova nelle lingue antiche, come greco e latino; in altri casi, invece, da tradizioni popolari, aneddoti particolari o personaggi culturali di spicco. Abbiamo quindi scelto per te cinque pietanze con nomi dalle origini speciali, strambe o ancora oggi discusse e da scoprire insieme.

Hamburger

Quando nel XIX secolo iniziò la traversata dei migranti europei per gli Stati Uniti, in molti partivano da Amburgo, dove la Hamburg-Amerika line offriva le traversate più vantaggiose. Per rientrare nei costi, i cuochi dovettero inventarsi un pasto completo ed economico: tritato di carne bovina cotto alla griglia con cipolle e aromi vari. Una volta arrivati a destinazione, i passeggeri, dati i costi contenuti, continuarono a cucinarlo nelle loro nuove case e iniziarono a chiamarlo “hamburger“, prendendo chiaramente spunto dal nome della compagnia con cui avevano attraversato l’Atlantico. In seguito vennero aggiunte le fette di pane ed entrò così a far parte della cultura culinaria d’oltreoceano.

nomi cibo

Pasta alla Carbonara

Ultimamente, si è discusso molto di questo piatto e dei suoi ingredienti, appurati e accertati secondo la tradizione. Per quanto riguarda l’origine del suo nome, invece, esistono diverse teorie. Per alcuni la sua denominazione deriva dai boscaioli del centro Italia che erano soliti mangiarla mentre andavano a produrre carbone da legna. Per altri ancora la ricetta sarebbe di una nobildonna dell’Ottocento che era avvezza a ospitare le riunioni segrete degli affiliati alla Carboneria. E mentre per alcuni, invece, il nome venne dato da un oste romano circa 50 anni fa, per altri coinciderebbe con l’arrivo di uova e bacon nel secondo dopoguerra.

Hot dog

Questo panino farcito solitamente con würstel e senape—anche se esistono ormai diverse varianti—nacque a New York nel lontano 1860 con il nome “dachshund sausages” (cane bassotto). Il termine con cui lo conosciamo oggi, invece, solo nel 1901 quando il vignettista Tad Dorgon—non sapendo come si scrivesse la parola “dachshund” e traendo ispirazione dai venditori che gridavano “get your dachshund sausages while they’re red hot!” (prendi la tua salsiccia mentre è ancora calda!)—usò la parola “hot dog” per illustrare un suo disegno realizzato in occasione di una partita di baseball svoltasi nella Grande Mela.

nomi cibo copertina

La pasta alla norma

La Norma è l’opera più nota del compositore catanese Vincenzo Bellini, e il nome di questa pasta, nata in Sicilia, è in suo onore. Ci sono due teorie riguardo alla nascita di questa denominazione. Secondo la prima, il compositore, una volta assaggiata la pasta a una tavolata di amici, esclamò “ma questa è Norma!”, per dire che era buonissima. La seconda versione, invece, afferma che il nome nacque dall’accostamento tra quello della protagonista della sua opera e il cognome della sua interprete, Giuditta Pasta.

nomi cibo 3

Il cioccolato

Nonostante fosse già una pietanza conosciuta da aztechi e maya e altre popolazioni autoctone dell’America latina, e fosse identificata come “il cibo degli dei”, il nome del “cioccolato” è stato coniato solo nella prima metà del 1500 dagli spagnoli, una volta conquistato il Messico (dove si chiamava xocoatl). Degustato soprattutto in forma liquida, per diverso tempo la cioccolata è stata una bevanda riservata esclusivamente alle classi più agiate.

7480545386_b12e5989d4_b

Immagini via Flickr | Copertina | 1 | 2 | 3 | 4