Un futuro senza cioccolato?

Un futuro senza cioccolato?

Il cioccolato è buono per tutto. Dai dolci al salato, dai cocktail all’umore.

Adesso immagina un mondo senza più cioccolato. Ma non immaginarlo troppo lontano nel tempo, immagina che sia realtà tra cinque anni.

È quello che hanno fatto al FutureFest di Londra. Quest’anno l’evento ha trattato anche il futuro della pasticceria e le previsioni sul cioccolato non sono buonissime.

Il cambiamento del clima e la sovrappopolazione del pianeta stanno portando a una maggiore scarsità d’acqua, in molte parti del mondo. Dal Brasile alla California, dall’Australia al Medio Oriente.

L’acqua è indispensabile anche per la fabbricazione di cioccolato. Con 1700 litri si producono 100 grammi di cioccolata.

Ma c’è di più: anche il prezzo del cacao sta salendo. L’anno scorso una tonnellata è arrivata a costare 2000 dollari.

Di questo passo, secondo il rapporto della Barry Callebaut, la più grande fabbrica di cioccolato del mondo, nel 2020 ci sarà una grave carenza di cioccolato.

E così al FutureFest di Londra la dottoressa Morgaine Gaye si è occupata del futuro della pasticceria, affermando che il cacao tra pochi anni varrà come l’oro e per questo bisognerà inventarsi dolci più creativi per rimediare alla scarsità di cioccolato.

Si dovrà far ricorso a originali formule alchemiche per non sprecare la già minima quantità di zucchero, acqua e cacao.

Nel futuro, secondo la ricercatrice, le praline e i tartufi saranno preparati in tutt’atro modo, ad esempio con il pomodoro, il tarassaco e altri vegetali.

Anche Paul Young, famoso pasticcere britannico, ha proposto i suoi cioccolatini del futuro. Saranno di vari colori, texture e sapori molto diversi da come li hai sempre conosciuti. Realizzati anche grazie alle stampanti 3D.

Insomma, nel 2020 la pasticceria somiglierà sempre più a una galleria d’arte, e il cioccolato sarà forse un bene preziosissimo, come l’oro o un gioiello. Per questo la prossima volta che mangerai un bignè gustatelo più del solito, perché ora sai che stai mangiando un’opera d’arte del futuro.

Immagine via Flickr