Il villaggio della Turchia in cui si comunica con la lingua dei fischi

Il villaggio della Turchia in cui si comunica con la lingua dei fischi

Nel mondo esistono tantissimi linguaggi speciali. Uno dei più interessanti e rari è sicuramente quello che si “parla” a Kuskoy.

In questo piccolo centro nel nord della Turchia, gli abitanti fischiano per comunicare tra loro. Il centro, tanto questo modo di comunicare è simile a un verso di volatili, è stato soprannominato il paese degli uccelli.

Le case del paesino, situate in posti isolati, in mezzo a fitte boscaglie e su picchi della montagna, hanno obbligato gli abitanti a inventarsi questo linguaggio speciale. Un modo che fosse più efficace dei semplici urli. I fischi possono arrivare a 90 metri di distanza.

Ma c’è anche il Silbo, usato sull’isola Gomera delle Canarie. Più antico degli spagnoli che abitarono l’isola, viene insegnato a scuola ed è patrimonio dell’Unesco.

Ma quello che ha reso importante questo piccolo paese turco è la scoperta di un gruppo di psicologi tedeschi. Güntürkün e Hahn dell’università di Bochum hanno condotto uno studio sugli abitanti di Kuskoy e hanno capito che nell’elaborazione del loro linguaggio fischiato per la prima volta in assoluto intervengono entrambi gli emisferi del cervello umano. La scoperta è sensazionale, perché finora si credeva che soltanto un emisfero fosse funzionante nel linguaggio.

Anche se oggi a Kuskoy si tengono festival per il miglior fischiatore dell’anno, il linguaggio dei fischi è a rischio estinzione. Con l’avvento dei cellulari, dei computer e della modernità non avrà più senso comunicare in questo modo e purtroppo questo tesoro rischia di scomparire per sempre.