Perché i tatuaggi non scompaiono nel tempo?

Perché i tatuaggi non scompaiono nel tempo?

Recentemente ti abbiamo svelato un risvolto poco conosciuto sui tatuaggi, ovvero quello per il quale farsi tatuare aumenterebbe la risposta immunitaria di una persona e quindi la sua capacità di rispondere efficacemente alle malattie. Siamo infatti abituati a vedere ovunque persone tatuate, ma ci sono molte curiosità da svelare su questa forma d’arte: ad esempio, per quale motivo i tatuaggi sono permanenti?

Ti sei mai chiesto per quale motivo nonostante le cellule della pelle si rinnovino continuamente i tatuaggi rimangono per sempre a meno che non si facciano rimuovere con interventi laser? Che cosa li rende così indelebili?

In realtà il motivo per il quale un tatuaggio migliora la risposta immunitaria e quello per il quale è permanente sono strettamente legati. In pratica le pistole che i tatuatori utilizzano per realizzare queste opere infiltrano l’inchiostro nella pelle attraverso dei piccoli aghi, fino al derma, lo strato più profondo. A questo punto il corpo risponde alle piccole punture attraverso una reazione immunitaria, interpretando le punture come vere e proprie ferite: entrano cioè in azione i macrofagi che sono delle cellule adibite a fagocitare e rendere innocui i corpi esterni penetrati nel corpo.

Visto che non riescono ad eliminarlo, l’inchiostro quindi rimane lì, rendendo il tatuaggio indelebile. Il corpo continuerà a cercare di eliminare l’inchiostro per sempre, senza riuscirci, ma agenti esterni come la luce solare possono farlo leggermente scolorire.

Immagini: Copertina