C'è un motivo se le zanzare pungono proprio te

C'è un motivo se le zanzare pungono proprio te

Quando arriva l’estate inizi a provarle tutte pur di non essere punto dalle zanzare: le candele alla citronella, gli spray, i braccialetti, le zanzariere, i pantaloni lunghi

Sappi però che statisticamente nessuno di questi rimedi diminuisce la frequenza dei morsi.

Gli scienziati da sempre si sono interessati allo studio di questi piccoli vampiri, perché nonostante l’aspetto possono rappresentare un pericolo. Fortunatamente però, su più di 3000 specie di zanzare soltanto alcune sono nocive.

Queste ricerche hanno portato a interessanti conclusioni anche per quanto riguarda le zanzare che semplicemente ti infastidiscono durante la bella stagione.

Secondo gli scienziati esistono dei fattori che rendono una preda più gustosa di un’altra.

Le zanzare ad esempio sono attratte dall’anidride carbonica del tuo respiro, riuscendo a fiutarla a più 160 metri. Per questo motivo le persone in sovrappeso, avendo uno scambio ossigeno-anidride carbonica maggiore rispetto ad esempio ai bambini, risultano più appetitose.

Altro fattore sarebbero i batteri della pelle, situati soprattutto nei pressi di piedi e caviglie. Questa ipotesi trova una facile conferma nelle punture che ricevi spesso sulle estremità corporee.

Ma il fattore davvero determinante è il gruppo sanguigno. Secondo uno studio dei ricercatori del Pest Control Technology Institute, le zanzare preferiscono di gran lunga il sangue del gruppo “0”, molto più che il gruppo “B”.

Chi appartiene al gruppo “A” è più al sicuro.

L’85% delle persone secerne un segnale chimico che indica alle zanzare il gruppo sanguigno.

Ora che sai di essere più o meno una preda preferita dalle zanzare, non ti resta che metterti l’anima in pace. Ma anche se non puoi farci niente, avvertono gli specialisti, ricordati sempre come agire dopo la puntura: non grattarti mai, rischieresti delle infezioni. Metti un impacco freddo o una crema a base di cortisone sulla ferita.

Immagine via Flickr