Secondo gli psicologi i libri da colorare sono un ottimo antistress da adulti

Secondo gli psicologi i libri da colorare sono un ottimo antistress da adulti

Prima di diventare adulti, siamo stati tutti bambini: magari siamo stati il fratello minore o maggiore di qualcuno, abbiamo appreso gli strumenti per vivere nella società nel modo più disparato, abbiamo imparato l’arte della meditazione fin dalla più tenera età.

Una cosa che secondo il pensiero comune distanzia in modo netto il mondo degli adulti da quello dei bambini sono i libri da colorare. Almeno fino a poco tempo fa, quando qualcuno ha pensato bene che potessero essere un ottimo diversivo per staccare la spina.

Il successo dei libri da colorare per adulti è partito e si è affermato in Francia, nel Regno Unito e negli Stati Uniti, ma anche in Italia inizia a dare i suoi frutti. Si tratta di album con disegni geometrici, paesaggi, animali da colorare proprio come quelli per bambini.

Il primo libro che ha avuto successo, vendendo milioni di copie, è “Secret Garden: An Inky Treasure Hunt and Colouring Book” di Johanna Basford, pieno zeppo di piante, foglie e animali ingarbugliati come quando capita di disegnare distrattamente su un foglio di carta mentre si parla al telefono.

Secondo alcuni psicologi, colorare sarebbe un vero e proprio anti-stress. L’attenzione che si deve porre a bordi, dettagli e colori, infatti, libererebbe la mente dai pensieri di ogni giorno e ci farebbe entrare in contatto con le nostre emozioni più profonde. Inoltre, ci aiuterebbe anche nel mondo reale: grazie a questa esperienza distensiva il nostro cervello potrebbe generare delle idee brillanti che potrebbero servirci nel mondo del lavoro o semplicemente nella nostra vita privata.

Partendo da questi presupposti, i libri da colorare per adulti sono diventati dei best seller, in quanto coinvolgono in modo semplice, secondo la psicologa Gloria Martínez Ayala: “Sia la logica tramite cui coloriamo le forme, che la creatività quando mischiamo e combiniamo i colori abbassando l’attività dell’amigdala, una parte basilare del nostro cervello coinvolta nel controllo delle emozioni”.

Per provare gli effetti benefici di questa semplice pratica, basta andare in libreria a sceglierne uno. Tra i primi libri usciti in Italia si può trovare “Il giardino segreto. Giochi in punta di pennino,” traduzione del Best Seller di Johanna Basford. Ma su internet se ne trovano di diversi e dato che stavolta le parole non sono importanti, potresti scegliere quello che preferisci senza curarti della lingua.

Immagine via Flickr