È vero che il meteo incide sul nostro umore?

È vero che il meteo incide sul nostro umore?

Quando fuori dalla finestra della tua stanza vedi il cielo rannuvolarsi e piovere, qual è la tua reazione naturale? Come ti senti? Più triste, malinconico? Se la risposta è sì, forse soffri di meteoropatia, un termine che indica un insieme di disturbi sia psichici che fisici che si verificano di pari passo con il cambiamento del tempo (“meteo” deriva dal greco meteoron e indica “qualcosa che avviene in alto”).

Per molti anni, la scienza l’ha spesso sottovalutata etichettandola come qualcosa di frivolo. Ma oggi, dopo molti studi si è scoperto che, in alcuni di noi, esiste realmente un forte legame con il clima.

A incidere sull’umore sono numerosi fattori, come la temperatura, l’umidità, la velocità del vento, la pressione atmosferica. Tra i principali sintomi ci sono mal di testadepressione, ipotensione, affaticabilità, difficoltà di concentrazione e insonnia.

La meteoropatia, in queste forme, colpisce di più le persone stressate e ansiose. Costringendole a interagire a livello sociale in maniera forzata e poco naturale.

Ma altri effetti, di gran lunga più leggeri, si possono riscontrare in altre persone, non clinicamente meteoropatiche.  Studi recenti hanno, per esempio, dimostrato che l’arrivo improvviso del sole può renderci più fiduciosi e disponibili verso il prossimo. Nei casi studiati sul campo si è visto che in una giornata di sole un autostoppista ha più probabilità di essere caricato rispetto a una giornata nuvolosa.

Ma il sole non sempre è sinonimo di positività, alcuni studi hanno dimostrato che una giornata calda incrementa anche la tentazione di giocare d’azzardo e può renderci molto aggressivi. Al contrario, il freddo non è sinonimo di negatività. Nelle giornate invernali siamo più tentati dal cercare affetto e calore dal prossimo, e oltre ad alterare i nostri giudizi interpersonali, siamo spinti anche a guardare film romantici e a struggerci con le storie d’amore più strappalacrime.

Immagine via Flickr