Il modo migliore per dominare la propria timidezza

Il modo migliore per dominare la propria timidezza

La timidezza è un aspetto caratteriale difficile da sconfiggere: mette a repentaglio le possibilità di esprimere le proprie idee, di raggiungere gli obiettivi, e di stringere rapporti sociali. Molte persone sono timide, e soffrono per questo, ma ci sono degli accorgimenti che, se considerati, possono aiutarti a migliorare.

[advertise id=”hello-amazon”]

Un video pubblicato dal canale YouTube The School of Life, intitolato “Come Superare la Timidezza“, ha analizzato gli aspetti sociali e psicologici di questa caratteristica, soffermandosi sui rimedi da adottare per sconfiggerla. Vediamo quali sono.

Innanzitutto vanno individuati tutti i sentimenti che si nascondono dietro alla timidezza: paura, insicurezza, dubbio, ansia, sospetto. Sono tutte emozioni basate sull’implicita convinzione che la nostra identità presenti dei fattori che dobbiamo nascondere agli altri, perché ci sentiamo diversi e in difetto rispetto al resto della comunità.

Nonostante spesso i timidi siano persone estremamente coscienti dei loro punti di forza—magari sono molto dotati nello studio, o nel lavoro—hanno difficoltà a mettersi in evidenza rispetto agli altri, per paura che quelle caratteristiche di se stessi che ritengono sgradevoli emergano. Per questo rinunciano ad esprimere la loro opinione, o le loro qualità, anche quando sanno che potrebbero risultare le migliori.

Guardano con invidia le persone che non hanno problemi a comunicare con tranquillità con gli altri, i cosiddetti “sicuri di sé“, e generalmente credono che questa sicurezza derivi da un’autostima molto elevata. Ma non è sempre così.

Secondo quanto si analizza nel video, infatti, l’aspetto psicologico che distingue i timidi da chi non lo è, è una diversa prospettiva della comunità: i timidi tendono a focalizzarsi sugli aspetti individuali—con una vena di egocentrismo—mentre gli altri individuano nel gruppo un insieme di persone con cui condividono delle caratteristiche e degli interessi.

In sostanza, chi non teme il giudizio del gruppo non lo fa per un’estrema sicurezza dei propri mezzi, ma perché nutre fiducia nel fatto che gli altri membri siano come lui.

Il passo fondamentale per vincere la timidezza, quindi, è quello di rendersi conto che avere una prospettiva troppo soggettiva rispetto al mondo tende a non farti percepire il senso di comunanza con gli altri: tutti nutrono insicurezze e paure molto simili fra loro. Riuscire a comprendere che la condivisione non è solo un mezzo per affermarsi, ma anche per sostenersi a vicenda, è la chiave per liberarsi dalle insicurezze.

Immagini: Copertina