I 10 film preferiti di Federico Fellini

I 10 film preferiti di Federico Fellini

“Un artigiano che non ha niente da dire, ma sa come dirlo”. Amava definirsi così Federico Fellini (1920 – 1993), regista considerato tra i più grandi della storia del cinema. Per averne la conferma, basta guardare e riguardare alcuni dei suoi più grandi capolavori—come La dolce vita, e Amarcord—diventati col tempo dei riferimenti per i più grandi registi del mondo.

Nel caso in cui però sapessi già a memoria i film di Fellini, potresti pensare di attingere dalla sua personale Top Ten di film preferiti. Pubblicata per la prima volta sulla rivista britannica Sight & Sound, e ripresa dal sito culturale Open Culture, la lista nasconde anche una piccola sorpresa—un lungometraggio dello stesso regista italiano. Ecco di seguito la Top Ten:

Il circo

Diretto, interpretato e prodotto da Charlie Chaplin, “Il circo” è uno dei capolavori del cinema muto. Uscito nel 1928, il lungometraggio racconta le vicissitudini di un maldestro inserviente che, a sua insaputa, diventa la maggiore attrazione del circo per cui lavora. Per i critici il film è un “discorso sul comico”, genere di cui Chaplin è stato un precursore.

Stanlio e Ollio

Più che di un film in particolare, questo punto della lista di Fellini riguarda l’intera filmografia di Stanlio e Ollio. Composto da Stan Laurel e Oliver Hardy, il duo comico ha girato ben 107 film in 30 anni di carriera (dal 1921 al 1951). Assolutamente da citare è “I diavoli volanti”, film del 1939 in cui si raccontano le disavventure del duo che decide di arruolarsi nella Legione Straniera, in seguito a una delusione amorosa di Ollio.

Ombre rosse

Film del 1939 diretto da John Ford, “Ombre rosse” è considerato il prototipo per eccellenza del genere western. Tra gli attori appartenenti al celebre cast, ricordiamo l’attore John Wayne, inserito dall’American Film Institute al tredicesimo posto tra le più grandi star della storia del cinema.

Rashomon

Rashomon, che in italiano suonerebbe un po’ come “La porta nelle mura difensive”, è un film del 1950 diretto dal regista giapponese Akira Kurosawa. La pellicola si apre con l’incontro, in una giornata uggiosa, di un boscaiolo, un monaco e un passante che si fermano a discutere di un fatto di cronaca che aveva fatto scalpore: l’uccisione di un samurai. Il film ha vinto sia il Leone d’oro per il miglior film al Festival di Venezia che il Premio Oscar come miglior film straniero agli Academy Awards.

Il fascino discreto della borghesia

“Le charme discret de la bourgeoisie” è considerato il capolavoro del regista spagnolo Luis Buñuel. Datato 1972, il film dai toni surreali racconta le difficoltà di alcuni amici che, per un motivo o per un altro, non riescono mai a consumare la cena. La pellicola è un’arguta critica al mondo borghese dell’epoca.

2001: Odissea nello spazio

Basato sul romanzo omonimo dello scrittore britannico Arthur C. Clarke, il film “2001: Odissea nello spazio” rappresenta una delle più lucide trasposizioni del regista Stanley Kubrick. Dopo l’uscita della pellicola nel 1968, il genere fantascientifico non fu più lo stesso. Tanto che nel 1998 l’American Film Institute l’ha inserito al ventiduesimo posto della classifica dei migliori cento film statunitensi di tutti i tempi.

Paisà

Paisà è un film del 1946 diretto da Roberto Rossellini. Suddiviso in sei episodi (Sicilia, Napoli, Roma, Firenze, Appennino Emiliano, Porto Tolle), racconta dell’avanzata delle truppe alleate dalla Sicilia al nord Italia. Per essere stato girato prevalentemente con attori non professionisti, il film è considerato uno dei massimi esempi del cinema neorealista italiano. Nel 1950, il film ha ricevuto una candidatura ai premi Oscar  per la migliore sceneggiatura originale.

Gli uccelli

Tratta dall’omonimo racconto della scrittrice Daphne du Maurier, la pellicola del 1963 è tra le più famose del regista Alfred Hitchcock. A proposito del film, il maestro del brivido disse: “Questo potrebbe essere il film più impressionante che io abbia mai fatto!”

Il posto delle fragole

“Il posto delle fragole” è il capolavoro di Ingmar Bergman. Datato 1957, racconta la storia di un anziano medico che, dopo essere stato indurito dagli anni, capisce gradualmente di dover riprendere in mano la sua vita e soprattutto gli affetti. Il film negli anni ha ricevuto innumerevoli premi. Solo per citarne alcuni: il premio della critica a Venezia, l’Orso d’oro al Festival di Berlino, il National Board of Review statunitense.

L’ultimo film prediletto da Fellini è proprio un suo film del 1963: . “È la storia di un uomo come ce ne sono tanti: la storia di un uomo giunto a un punto di ristagno, a un ingorgo totale che lo strozza. Io spero che lo spettatore dimentichi che Guido è un regista, cioè un tipo che fa un mestiere insolito, e riconosca in Guido le proprie paure, i propri dubbi, le proprie canagliate, viltà, ambiguità, ipocrisie: tutte cose che sono uguali in un regista come in un avvocato padre di famiglia”, spiegò il regista italiano in un’intervista rilasciata a Oriana Fallaci nel febbraio del 1963. “Con questo non si può certo dire che il film sia autobiografico: in senso spicciolo. E se anche lo fosse? Non voglio fornire allo spettatore un’interpretazione in chiave aneddotica, biografica. In chiave biografica il film diventerebbe solo un’inutile, fastidiosa esibizione narcisistica”.

Immagine di copertina via Wikipedia