Alcune curiosità sulla fotografia di Henri Cartier-Bresson

Alcune curiosità sulla fotografia di Henri Cartier-Bresson

Henri Cartier-Bresson è in assoluto uno dei fotografi più famosi della storia, che con i suoi scatti in bianco e nero è riuscito a immortalare l’ossatura storica e artistica del Novecento. Dalla guerra civile spagnola alla seconda guerra mondiale fino al periodo dello scontro fra Stati Uniti e Russia, passando per il movimento surrealista; Bresson ha immortalato con la sua splendida fotografia e i suoi dipinti un vero e proprio pezzo di storia.

Se non conosci ancora questo fenomenale artista, puoi farti un’idea del suo personaggio leggendo alcune delle curiosità raccolte qua sotto su di lui.

View this post on Instagram

Amarillo, Texas 1957 Henri Cartier-Bresson

A post shared by Henri Cartier-Bresson (@_henricartierbresson) on

Henri Cartier-Bresson e il fotogiornalismo dell’agenzia Magnum

Innanzitutto è giusto inquadrare il suo profilo artistico: Bresson è considerato il padre del fotogiornalismo, visto che nella sua vita ha documentato pezzi di storia importantissimi, ed è soprattutto noto per il suo talento nell’immortalare l’attimo perfetto per riuscire a raccontarli.

View this post on Instagram

Paris, France 1989 Henri Cartier-Bresson

A post shared by Henri Cartier-Bresson (@_henricartierbresson) on

Il suo stile era totalmente basato sull’intuito, visto che di rado regolava la luce o le altre caratteristiche della macchina fotografica che usava. La sua era una fotografia spontanea.

View this post on Instagram

Bucharest, Romania 1975 Henri Cartier-Bresson

A post shared by Henri Cartier-Bresson (@_henricartierbresson) on

Il suo rapporto con lo strumento era quasi morboso, e il suo attaccamento alle macchine fotografiche Leica ha contribuito a rendere celebre questo marchio fra i giovani fotografi di tutto il mondo nelle generazioni successive.

View this post on Instagram

Brussels, Belgium 1932 Henri Cartier-Bresson

A post shared by Henri Cartier-Bresson (@_henricartierbresson) on

Visto che le sue foto dovevano essere il più evocative possibile e che concepiva il racconto fotografico come qualcosa che doveva basarsi unicamente sull’immagine, Bresson non vedeva di buon occhio le didascalie. Nelle sue foto si limitava a indicare la data e il luogo.

henri cartier bresson mostra genova

Henri Cartier-Bresson durante le rivolte del 1968 a Parigi

Durante la seconda guerra mondiale aveva servito nell’esercito francese e una volta sfuggito alla prigionia nazista si era unito alla Resistenza, periodo a cui risalgono alcune delle sue foto più celebri.

View this post on Instagram

Srinagar, Jammu and Kashmir 1948 Henri Cartier-Bresson

A post shared by Henri Cartier-Bresson (@_henricartierbresson) on

Dopo la fine della guerra, nel 1947, ha fondato insieme a Robert Capa, David Seymour, George Rodger e William Vandivert, altri quattro titani della fotografia, l’agenzia Magnum Photos, che ha fatto letteralmente la storia e ha rappresentato un esempio per i tempi a seguire.

Alcune delle sue foto più famose sono Hyères, Francia, 1932 e i ritratti realizzati a Camus Matisse. Qui in basso puoi vedere le prime due foto citate.

Immagini: Copertina | Getty Images