I bellissimi scatti di Robert Irwin, un fotografo quattordicenne

I bellissimi scatti di Robert Irwin, un fotografo quattordicenne

La fotografia è un modo di sentire, di toccare, di amare. Ciò che viene impresso sulla pellicola è catturato per sempre. Ti ricorda piccole cose, anche molto tempo dopo che hai dimenticato tutto.

Questo è Aaron Siskind, presentato con una delle sue frasi più belle sulla fotografia. Leggiamo una frase così e pensiamo a un artista consumato dietro l’obbiettivo. Ma non sempre è così. Cosa succede quando, guardando delle fotografie, scopriamo che dietro la macchina c’è Robert Irwin un fotografo di quattordici anni?

È il dilemma se sia più importante la macchina fotografica o l’occhio che c’è dietro. Oppure, potremmo dirla come Robert Frank:

La vita di un fotografo non può essere una questione di indifferenza.

Robert Irwin, australiano, fin da quando era piccolo—tra poco scopriremo il perché—è da sempre un grande appassionato di animali e di natura. Tutto merito del padre, Steve Irwin, che dedicò tutta la sua vita agli animali. 

Era soprannominato “Crocodile Hunter”, da quest’altra parte del mondo era conosciuto principalmente per essere il divulgatore di “Missione Natura“. Spesso si cacciava in situazioni estreme, e proprio una di queste gli fu fatale. Morì in seguito alla puntura di una razza spinosa, nel 2006. Robert non ha avuto un’infanzia normale con un padre così spericolato. Per dire, quando aveva soltanto un mese, il padre lo tenne in braccio mentre con l’altra mano dava da mangiare a un coccodrillo.

Ma in fondo, se oggi Robert è un rispettabile fotografo naturalista è soprattutto grazie al padre. Il padre di Robert era proprietario e amministratore di uno zoo in Australia, nello stato del Queensland. Fin da piccolo la famiglia lo ha portato in giro per il mondo a conoscere ogni aspetto meraviglioso e pericoloso della natura. Con il padre e la madre ha preso parte a infinite iniziative sociali incentrate sulla conservazione della natura, atte a diffondere un messaggio di tutela per l’ambiente.

Una volta diventato grande—anche se è bene ricordare che stiamo parlando di un ragazzo di soli 14 anni—ha iniziato a muoversi sempre più indipendente. Ha viaggiato dalla savana africana alle montagne della Nuova Zelanda, passando per l’Europa. Questi scatti sono la dimostrazione del lavoro e del talento del ragazzo. 

Robert Irwin: una carriera promettente e una sensibilità da veterano

Le foto di Robert vengono pubblicate spesso sulle riviste specializzate, in particolare collabora con il magazine australiano dello zoo Crikey. Ha inoltre pubblicato libri ed è apparso in tanti spettacoli televisivi. Tra cui il Tonight Show condotto da Jimmy Fallon. Sono stati tanti i premi e le partecipazioni a concorsi fotografici. Molti i riconoscimenti. Ne elenchiamo qualcuno per gli scettici che non credono che si possa essere “riconosciuti” anche così giovani.

View this post on Instagram

It’s hard to look ferocious on #NationalNappingDay ??

A post shared by Robert Irwin (@robertirwinphotography) on

Il suo lavoro è stato menzionato all’interno del concorso Wildlife Photographer of the Year Award. In quello di Nature’s Best Windland Smith Rice International Photography Awards. È stato finalista per tre anni di fila all’Australian Nature Geographic Photographer of the Year. Ha vinto il premio Wondai Regional Art Gallery “Peoples Choice Award” e il concorso fotografico per il calendario Rotary 2017.

Ma l’intento principale di Robert non è artistico, ma è quello di sensibilizzare i suoi spettatori sulle questioni animaliste e naturaliste. Fatte le debite proporzioni per progetto e caratura, quello che fa Robert è quello che ha fatto e continua a fare Joel Sartore, fotografando 12 mila specie di animali a rischio.

Robert raccoglie ogni anno fondi per l’organizzazione no-profit Irwin Wildlife Warriors, vendendo all’asta agli appassionati stampe su tela delle sue fotografie.

Tra un viaggio di lavoro e l’altro, Robert, per il suo lavoro politico di sensibilizzazione, incontra anche personalità influenti, come il principe del Galles Carlo, per discutere di salvaguardia dell’ambiente.

Sul suo sito ufficiale ma anche sui social di Instagram e Twitter puoi guardare altri scatti di Robert Irwin e seguire da vicino i suoi progetti fotografici.

Immagine via unsplash