La bellissima biblioteca nazionale di Parigi, da poco

La bellissima biblioteca nazionale di Parigi, da poco "rimessa a nuovo"

Voluta fortemente come biblioteca reale da Jean-Baptiste Colbert per celebrare la grandezza di Luigi XIV—entrato nella storia con l’appellativo di “re Sole”—, la Bibliothèque nationale de France di Parigi è una delle più grandi e importanti biblioteche del mondo tanto per la sua maestosità quanto per i volumi preziosi in essa contenuti.

[advertise id=”hello-amazon”]

Dopo ben sette anni di ristrutturazioni, nel gennaio scorso, è stato riaperto il sito Richelieu della suddetta biblioteca. L’impresa settennale è costata circa 232 milioni di euro—di cui l’80% è stato disposto dal ministero della Cultura francese.

Nello specifico, il sito Richelieu è una struttura seicentesca che è stata “messa a nuovo” per ospitare il materiale più prezioso dell’intera Bibliothèque nationale de France. Oltre a stampe, fotografie e spartiti musicali d’epoca, infatti, al suo interno viene conservato circa un milione e mezzo di documenti dell’Istituto nazionale della Storia e dell’Arte e 150 mila volumi della École Nationale des Chartes, l’istituto che forma le massime cariche del sistema bibliotecario statale.

Tra le modifiche apportate alla biblioteca—che già nell’Ottocento vide l’aggiunta della grande sala ovale—ce ne sono due apprezzate tanto dai visitatori quanto da chi vuole leggere o studiare in un luogo ideale. In primo luogo, il fatto che siano state aggiunte ben 400 postazioni in grado di ospitare altrettanti “topi da biblioteca”. In secondo luogo, poi, la suggestiva galleria di vetro sovrastante la corte d’onore dell’edifico, dalla quale si può godere di un’ottima vista.

La ristrutturazione, messa a punto dallo studio parigino Bruno Gaudin & Virginie Brégal architectes però, è parte di un progetto di restauro. Dei 58mila metri quadrati di estensione dell’edificio, infatti, ne mancano da restaurare ancora 20mila circa. Cosa che avverrà nel 2020, quando la parte della Bibliothèque che dà sulla rue Vivienne sarà aperta con un nuovo museo in cui verranno esposti i reperti più preziosi dell’intera collezione conservata al suo interno.

Immagine di copertina via Facebook