Cinque tra le più belle citazioni nascoste nei film

Cinque tra le più belle citazioni nascoste nei film

Spesso ce ne accorgiamo soltanto dopo una seconda o una terza visione del film: la prima volta siamo distratti dal seguire la trama e la nostra mente non ci fa caso. Trovare però una citazione, o un riferimento, nascosta dentro una scena, dietro il nome di un personaggio o nella scenografia del film è sempre un momento galvanizzante.

[advertise id=”hello-amazon”]

Ciò che forse le rende così interessanti è lo svelamento della “finzione cinematografica“. Il regista o lo sceneggiatore che ha voluto inserire questa citazione, in un certo senso, vuole mostrarti “il dietro le quinte” del suo film.

Ci sono due tipi di citazione: gli omaggi ad altre pellicole e quelle autoreferenziali. Ne abbiamo volute raccogliere cinque, tra le infinite che si possono trovare nei film sia vecchi che recenti.

George Harrison e i Monty Python

In Brian di Nazareth, divertentissimo lungometraggio del gruppo di comici britannico dei Monty Python, compare in una scena, e ben visibile anche se con una barba lunghissima, il chitarrista dei Beatles, George Harrison. George è stato oltre che il produttore del film anche amico dei Monty Python.

E.T. in Guerre Stellari

Nell’episodio I di Guerre Stellari, “La minaccia fantasma“, in una scena ambientata nel senato galattico alcuni sostenitori dell’imperatore Palpatine sembrano appartenere alla stessa razza di E.T. Nel video qui sotto, dopo 16 secondi, si vedono tre esemplari dell’extraterrestre di Spielberg in basso a sinistra dello schermo.

Il Ritorno dello Squalo

Questa citazione è sicuramente la più semplice da cogliere per gli appassionati di cinema. Nel suo viaggio nel futuro Martin McFly si trova davanti a un cinema dove si proietta “Lo squalo“. Se ci fai caso si può anche vedere il gigantesco successo commerciale che ha avuto negli anni, visto che è arrivato al 19esimo capitolo.

Il Millennium Falcon in Blade Runner

Blade Runner è sicuramente uno dei film di fantascienza più importanti della storia. È stato fonte d’ispirazione per molte pellicole di genere arrivate dopo, ma anch’esso ha fatto i conti con i grandi predecessori. Per questo, in una bellissima scena notturna, si può ammirare l’omaggio a Star Wars, con la camaleontica navicella di Ian Solo. A un minuto e tre secondi, si può notare il Millennium Falcon in basso a sinistra dello schermo. Se ne scorge il contorno e le luci superiori. È appoggiata a un palazzo come un insetto dormiente.

L’autocitazione di Kubrick

Kubrick è uno dei pochi che si può permettere di citare se stesso nei suoi film. Nella scena di Arancia Meccanica, ambientata nel negozio di dischi, Alex si ferma a chiacchierare con due ragazze. Si nota benissimo il vinile della colonna sonora di 2001 Odissea nello spazio accanto a lui. La scena completa è a 45 secondi del video qui sotto, altrimenti si vede bene anche così, nell’anteprima, senza cliccare.

Immagine di copertina via Flickr