Cinque libri per chi vuole iniziare ad approfondire la filosofia

Cinque libri per chi vuole iniziare ad approfondire la filosofia

Lo studio della filosofia è ostico: il linguaggio utilizzato nei trattati filosofici è molto complesso, e spesso le tematiche affrontate sono astratte e di non immediata comprensione. Molte persone che non hanno avuto modo di costruire una buona base durante gli studi superiori hanno poi difficoltà a riprendere in mano questi argomenti, perché la storia della filosofia segue dei filoni precisi.

E per chi non ha mai avuto modo di studiare la materia è ancora più difficile orientarsi: quali sono le basi da cui iniziare? Esistono dei filosofi in grado di farti entrare nel meccanismo, e farti appassionare, per poi proseguire con l’approfondimento dei più difficili? I cinque libri che ti proponiamo sono proprio adatti ai principianti.

Il mondo di Sofia – Jostein Gaarder

Questo non è un saggio filosofico, ma un romanzo. Pubblicato nel 1991, Il mondo di Sofia stupì tutti per la sua capacità di coniugare la narrazione alla storia della filosofia. La protagonista del libro è una bambina di 14 anni che comincia a ricevere lettere anonime in cui sono contenuti racconti sulla storia dei più importanti filosofi e sulle questioni esistenziali che hanno affrontato: dai presocratici a PlatoneAristotele, fino alla filosofia barocca e all’esistenzialismo del Novecento.

Un modo intrigante per cominciare a farsi un quadro generale della filosofia, perché alterna le nozioni al racconto della piccola Sofia, che deve scoprire chi le manda queste strane lettere.

Jostein Gaarder

Jostein Gaarder

Lettera a Miceneo – Epicuro

Nel III secolo a.C. il filosofo greco Epicuro compose questo breve scritto filosofico, passato alla storia come Lettera sulla felicità. Il testo è scritto in modo molto colloquiale, e affronta il centro della filosofia epicurea: la felicità e il piacere. Cosa ci rende davvero felici? E come si fa a raggiungere la felicità? Attraverso questa domanda, il filosofo affronta alcuni dei temi più importanti della filosofia: l’idea che abbiamo di Dio, dei nostri desideri e della nostra vita.

Pensieri – Blaise Pascal

Questa è probabilmente l’opera più accessibile di Blaise Pascal, filosofo molto amato, perché comprensibile nonostante la profondità dei temi affrontati. Pubblicato nel 1669, questo libro è fondamentalmente una raccolta di riflessioni—a volte brevi, a volte più strutturate—sui temi che da sempre assillano i filosofi di tutti i tempi.

È un ottimo libro per iniziare lo studio della filosofia, perché rappresenta il giusto compromesso fra complessità filosofica e divulgazione generale. Visto anche lo stile molto piacevole della scrittura di Pascal.

Blaise Pascal

Blaise Pascal

Trattato sulla tolleranza – Voltaire

La filosofia, però, non affronta soltanto temi “alti” ed esistenziali: c’è anche tutta una parte della storia filosofica che affronta il pensiero politico, e la vita sociale degli uomini. E il filone più semplice per avvicinarsi a questa parte della materia è sicuramente quello illuminista: i trattati politici degli illuministi sono solitamente molto immediati, e soprattutto spingono a riflettere.

In questo breve trattato, Voltaire ad esempio affronta il tema della tolleranza religiosa: che tipo di attitudine dobbiamo avere verso la fede degli altri? Che ruolo deve rivestire la religione all’interno della società? Tutte domande che, ancora oggi, rimangono attuali.

Voltaire

Voltaire

Il primo libro di filosofia – Nigel Warburton

Questo libro, invece, è proprio pensato per avvicinare i principianti alla filosofia. Lo studioso inglese Nigel Warburton ha infatti scritto questo libro con il proposito di condensare tutti gli argomenti più dibattuti dai filosofi di tutti i tempi: è una buona lettura per iniziare, visto che le varie tematiche non sono sviscerate in base al tipo di filosofo, ma raccontate in modo univoco, assemblando tutte le principali scuole di pensiero.

Immagini: Copertina | 1 | 2 | 3