Cinque imperdibili rievocazioni storiche italiane

Cinque imperdibili rievocazioni storiche italiane

L’Italia è un paese molto legato alla sua storia ricca di tradizioni, insediamenti, successioni dinastiche. A dimostrazione di ciò, in alcune cittadine sparse lungo lo stivale, ogni anno, tramite feste ed eventi, vengono organizzate delle rievocazioni storiche che mantengono vivo il ricordo di avvenimenti che hanno segnato lo sviluppo del Bel Paese. Ne abbiamo selezionate alcune per te.

[advertise id=”hello-amazon”]

Il Palio di Siena

Il Palio di Siena è una competizione le cui origini sono rintracciabili nel XIII secolo. In pratica, tramite una giostra equestre, di origine medievale, ogni anno i fantini che rappresentano le varie contrade di Siena si sfidano “a duello”. La ricorrenza folkloristica cade solitamente due volte: il 2 luglio in onore della Madonna di Provenzano e il 16 agosto in onore della Madonna Assunta.

Regata delle Antiche Repubbliche Marinare

Come abbiamo imparato sui libri di storia, tra il X e il XIII secolo, le città di Venezia, Genova, Pisa e Amalfi vennero definite “Repubbliche marinare”. Le rivalità tra quest’ultime vengono ricordate, sin dal 1955, con la “Regata delle Antiche Repubbliche Marinare“. Si tratta di una rievocazione storica—con le dovute differenze—in cui, quattro equipaggi composti da otto vogatori si sfidano in nome delle quattro repubbliche a rotazione nelle diverse città.

Trapani Medievale

Nato nel dicembre 2012, con più di 100 figuranti, l’evento “Trapani Medievale” ripropone il famoso ingresso in città del sovrano Manfredi e della famiglia reale all’inizio del XIV secolo—momento in cui morì uno dei suoi figli a causa di una brutta caduta da cavallo. Ma anche sfilate, musici e mercanti catapultati direttamente dal medioevo nel presente.

Assedio del castello di Gradara

Nel 1446, il castello di Gradara (famoso per essere stato il teatro dell’amore tra i danteschi Paolo e Francesca), retto dai Malatesta, venne assediato dalle famiglie Sforza e Montefeltro. Per oltre 40 giorni ci furono scontri e resistenze, e alla fine gli abitanti del borgo riuscirono a cacciare gli invasori. A luglio, ogni anno, con parate, tiri con l’arco, e simulazioni d’evacuazioni si celebra questa grande prova di coraggio degli avi del borgo.

Calcio storico fiorentino

Ogni giugno, in piazza Santa Croce, si gioca al calcio storico fiorentino—che somiglia per certi versi al rugby. Si tratta di una rievocazione storica che ricorda il momento in cui fiorentini si misero a giocare, nonostante le cannonate causate dall’assedio di Carlo V nella prima metà del XVI secolo. La rievocazione è un vero e proprio torneo tra quattro squadre, e a cui è possibile assistere. Solitamente, la finale cade il 24 giugno.

Immagine di copertina via Flickr