Cinque classici del cinema che non dovevano finire così

Cinque classici del cinema che non dovevano finire così

Ci sono film con un finale indimenticabile. Come Roma città aperta. Ce ne sono altri dove nelle ultime scene la trama viene completamente stravolta. Come Fight Club. Ci sono altri film invece il cui finale originale non lo vedremo mai.

Pellicole che per un motivo o per l’altro, quasi sempre una censura dei produttori o dei registi stessi, hanno subito dei cambiamenti in corso d’opera. Ne abbiamo voluti raccogliere alcuni. Che purtroppo i fan non potranno mai vedere.

Il pezzo contiene spoiler.

Alien

La post-produzione di questo capolavoro di Ridley Scott, del 1979, durò cinque mesi. In fase di montaggio, molte furono le scene tagliate. Alcune di queste si possono rivedere nella versione Director’s cut. Ciò che non si può vedere però è il finale pensato inizialmente dallo sceneggiatore.

Il film doveva terminare con l’uccisione del tenente Ripley. A quel punto l’alieno avrebbe preso il comando della navicella e camuffando la sua voce con quella della protagonista avrebbe comunicato con la Terra.

I produttori però impedirono la realizzazione di questa scena. Troppo drammatica e sconvolgente. Meglio così alla fine, visto il numero di sequel e prequel, che negli anni hanno fatto la gioia di tutti i fan.

Gli uccelli

Film del 1963 che ha cambiato la storia del cinema. Non si erano mai visti degli effetti speciali così straordinari. Per la scena finale, così come la conosciamo oggi, sono stati impiegati ben 3 mesi di lavorazione. Ma inizialmente, guardando i bozzetti di scena di Alfred Hitchcock doveva essere diversa, ancora più imponente. Tutto il Golden Gate Bridge di San Francisco doveva essere ricoperto dagli uccelli.

Hitchcock decise alla fine di optare per il famosissimo finale aperto. Talmente aperto che non compare neanche la scritta The End. Il finale però non ha accontentato tutti. C’è chi ha parlato di “magnifica atmosfera impressionista”, chi di un “non finale”.

Shining

Del capolavoro di Kubrick esistono varie versioni. Quella originale di 146 minuti è stata presto ridotta di due minuti per il circuito nordamericano. Ce n’è anche un’altra, internazionale, di soli 119 minuti. Ma perché Kubrick tagliò quei due minuti? Che cosa c’era?

Il grande regista americano lo decise dopo la première. La scena finale aveva due minuti in più che smorzavano secondo lui la tensione. Mr. Ullman va a trovare in ospedale Wendy e Danny. E dice alla donna che il corpo del marito non si è mai trovato, mentre al bambino dà una pallina da tennis comparsa precedentemente nel film.

Questi minuti vennero tagliati da tutte le copie. Nei titoli di coda della versione da 144 sono presenti ancora i due attori che vi presero parte.

Blade Runner

“Quando iniziammo le riprese”, ha ricordato Harrison Ford: “avevamo raggiunto un tacito accordo che la versione del film che preferivamo era quella senza voce fuori campo. Era un incubo. […] Ero obbligato a fare la voce fuori campo per delle persone che non rappresentavano gli interessi del regista”.

Anche per Blade Runner ci sono più versioni. Il finale originale dopo le prime proiezioni non convinse i produttori. Lo trovavano, anche in questo caso, troppo amaro. Bisognava renderlo più lieto. Come fare allora? Con uno sconclusionato monologo finale con musica romantica. Quel finale consolatorio non convinse i critici fin da subito. Qualche critico scrisse: “La narrazione dell’eroe e il finale danno l’impressione di provenire da un altro film”. Scott non l’apprezzò mai

Zombi

Ma se parliamo di finali “deprimenti” nessuno batte Zombi, il secondo capitolo della saga sui non morti di Romero. Nel finale, i due protagonisti scappano in elicottero con la poca benzina rimasta. Mentre alcuni zombi cercano di catturarli.

La prima idea di Romero era invece un’altra, molto più macabra. Stanchi di dover  scappare, per tutta la vita, i due decidono di uccidersi. La scena doveva concludersi in maniera molto splatter. Teste tagliate dalle pale del velivolo per intendersi.

L’attore Ken Foree ricorda di averla girata, anche se non si trova in nessuna versione. Forse sono state girate soltanto delle prove. A quel punto lo stesso Romero deve essersi reso conto da solo della “pesantezza”. 

Immagine di copertina