Quando sono state colonizzate dall'uomo le Americhe?

Quando sono state colonizzate dall'uomo le Americhe?

La storia dell’uomo è piena di questioni controverse, su cui non esistono certezze. La comparsa della scrittura ha permesso agli esseri umani di avere uno sguardo più preciso sul passato, ma sugli eventi precedenti dobbiamo affidarci alle supposizioni degli archeologi, basate su misurazioni e dati che spesso non sono univoci. Uno di questi misteri, ad esempio, riguarda la colonizzazione delle Americhe.

[advertise id=”hello-amazon”]

Secondo quanto si è sempre comunemente creduto, in base alle classiche ricerche effettuate nel corso del tempo, questa porzione della Terra sarebbe stata colonizzata dall’Homo Sapiens circa 20.000 anni fa. Una recente ricerca pubblicata sulla rivista Nature, però, sposterebbe di molto questa teoria.

Stando a quanto scoperto da un gruppo di ricercatori californiani, infatti, i primi insediamenti umani nelle Americhe sarebbero da individuare negli uomini di Neanderthal, circa 120.000 anni fa. Questa teoria si basa sul recente rinvenimento dello scheletro di un mastodonte, che secondo le evidenze sarebbe stato manipolato da mani umane utilizzando delle pietre.

I reperti sono stati analizzati da un esperto di datazioni con l’uranio, Alistar Pike, che ha confermato come le ossa di mastodonte risalgono a un periodo compreso fra i 120.000 e i 110.000 anni fa.

Secondo John McNabb, archeologo del periodo paleolitico e responsabile della ricerca, “questa scoperta è così incredibile che sarebbe davvero una svolta epocale”. Se le supposizioni proposte da questi team di archeologi dovessero essere confermate da ulteriori studi, infatti, un’intera parte del flusso migratorio della specie umana dovrebbe essere riscritto.

Per ora il resto del mondo accademico si è espresso con scetticismo rispetto a questa scoperta, ma verranno sicuramente condotti studi per comprendere meglio l’entità di questa rivelazione.

Immagini: Copertina