Le curiosità sul teatro più famoso d'Italia: la Scala

Le curiosità sul teatro più famoso d'Italia: la Scala

Il teatro alla Scala di Milano è oggi un’istituzione musicale riconosciuta in tutto il mondo. Inaugurato nel 1778, su progetto di Giuseppe Piermarini, il teatro è stato calcato da centinaia tra musicisti, cantanti e ballerini.

La Scala è stata definita da Stendhal, il “primo teatro al mondo, perché è quello che procura dalla musica i maggiori piaceri”. Ma una serata alla Scala non è soltanto un evento musicale ma qualcosa di più: un luogo ricco di storia, curiosità e aneddoti che continuano a riempire di leggenda ogni suo angolo.

Ogni palchetto era di proprietà di una famiglia che con una specie di affitto sovvenzionava il teatro. In cambio poteva abbellirlo come preferiva, era il modo per mostrare il proprio status sociale. Poteva capitare che qualcuno dietro la tenda mangiasse o si preparasse il caffè, per tenersi sveglio. In uno di questi, il famoso numero 13, sono stati affissi specchi “tattici” che permettono di osservare tutto il teatro.

1200px-Milano,_Teatro_alla_Scala,_interior_01

Nella platea invece le poltrone erano destinate a un pubblico più umile, e anni fa potevano essere spostate per liberare l’area. Durante l’intervallo infatti si tenevano dei balli in sala e pure qualche gara di equitazione.

EsternoScala2

Tra le leggende del teatro ce ne sono alcune che riguardano uomini e donne che hanno calcato le scene da vivi, e continuano a farlo da morti… Ad esempio alcuni spettatori hanno affermato di aver visto lo spirito di Maria Callas aggirarsi per la Scala. Un altro aneddoto riguarda proprio la cantante greca che pare avesse trovato un punto preciso del palcoscenico dove la voce raggiungeva tutta la sala. Venne chiamato: “punto Callas“.

Fino a sedici anni fa, all’interno della Scala, c’era anche una piccola sala, chiamata appunto “piccola Scala” che permetteva a un pubblico più esiguo di assistere a concerti da camera. Era stata inaugurata nel 1955, ma è stata inglobata nel 2000 all’interno della ristrutturazione che ha coinvolto la “grande Scala”.  Tra il 2002 e il 2004 su progetto di Mario Botta è stata aggiunta una torre scenica più grande e una nuova macchina realizzata dall’ingegnere Franco Malgrande, entrambe hanno reso il palcoscenico della Scala uno dei più complessi e avanzati al mondo.

PiccolaScala

La Scala è famosa anche per il giudizio severo da parte del pubblico che a fine spettacolo applaude o fischia l’opera liberamente. Agli inizi del secolo scorso per supportare i cantanti si potevano “noleggiare” alcuni “professionisti dell’applauso” che con un contributo economico potevano non soltanto battere le mani ma anche richiedere a gran voce il bis.

Immagini via Flickr e Wikipedia