Queste foto mostrano come sarebbero le persone se i loro volti fossero perfettamente simmetrici

Queste foto mostrano come sarebbero le persone se i loro volti fossero perfettamente simmetrici

Ti è mai capitato di sdoppiare un lato del tuo volto con un programma fotografico, per giocare con la simmetria? Il risultato potrebbe stupirti e apparire molto diverso da come il tuo viso si presenta allo specchio ogni mattina.

Da questo semplice interrogativo è partita l’idea del progetto Both Sides Of di Alex John Beck, un fotografo americano che ha cercato di capire se esiste una diretta correlazione tra i tratti psicologici della personalità e la loro espressione nelle simmetrie bilaterali del volto.

Nell’antica Grecia infatti la simmetria facciale è sempre stata considerata fonte di bellezza, e gli strascichi di questa credenza edonistica si sono protratti fino ai nostri giorni.

Proprio per queste motivazioni puramente estetiche, con lo sviluppo delle discipline psicologiche e sociologiche, lo studio della personalità è stato preso inizialmente in esame attraverso possibili connessioni con le caratteristiche fisiche.

Per inserirsi come agente attivo all’interno di questa discussione, Alex John Beck ha quindi chiesto a modelli e amici di prestarsi al gioco visivo dai nobili scopi scientifici nella città di New York.

simmetria 2

Come puoi osservare in ogni coppia di ritratti realizzata da Beck, nella prima foto è stato sdoppiato il lato sinistro del volto, mentre nella seconda il lato destro.

Non è stato, invece, inserito il ritratto originale, in quanto Beck vuole rendere lo spettatore il più possibile partecipe. A maggior ragione, il fotografo consiglia di stampare i suoi elaborati con Photoshop e accostarli piegandone una delle due porzioni per notare le dovute differenze.

simmetria 3

Scorrendo tra le coppie di ritratti, se da un lato alcuni volti appaiono più proporzionati, dall’altro lo spazio per le osservazioni di stampo caratteriale non manca. In alcuni casi una parte del viso sembra più sveglia, in altri vengono accentuate le imperfezioni, e in altri ancora sembra di ritrovarsi di fronte ai volti di due cugini di terzo grado.

Tanto che il fotografo americano ha confessato di aver dovuto rimuovere una coppia di foto su richiesta di un modello e di non aver diffuso le sue per aver provato le stesse difficoltà nell’accettare le diverse versioni di sé.

simmetria 4

Il progetto di Beck è uno dei tanti esempi dell’approccio fotografico contemporaneo che utilizza il volto per spingere chi guarda a riflettere sul proprio aspetto. Su queste pagine ne abbiamo descritti altri, che mostrano come cambino drasticamente le espressioni del tuo volto quando bevi un bicchiere di vino di troppo o quando qualcuno ti confessa che sei bello.

E come negli altri progetti, lo scopo iniziale di Beck è perfettamente riuscito. Infatti, il preconcetto secondo cui un viso senza imperfezioni e simmetrico sia bello per definizione è decisamente infondato. Anzi: la bellezza umana, ciò che rende il nostro viso interessante, è essenzialmente il frutto di imperfezioni e di difetti.

Immagini via alexjohnbeck