Le frasi d'amore più belle dei romanzi senza tempo

Le frasi d'amore più belle dei romanzi senza tempo

Ti è mai capitato di leggere un libro e di rimanere folgorato da una frase? Solitamente si tratta di un pensiero che avevi già in testa, ma che ordinato con le parole giuste ti spiazza quando meno te lo aspetti. Quando ciò accade, i più patiti si fermano durante la lettura, alla ricerca di una matita per sottolineare il passo. Ovviamente, essendo l’amore il sentimento per antonomasia, i passi che parlano di quest’ultimo sono tra quelli che più producono tale effetto.

Dopo averti parlato delle lettere d’amore più toccanti della storia, quindi, abbiamo pensato di scegliere per te, tra libri italiani e stranieri—consapevoli che ne esistano molti altri—alcuni passi dei romanzi più famosi che parlano di amore, in termini universali.

La giornata di uno scrutatore, Italo Calvino

Quei due, così come sono, sono reciprocamente necessari. E pensò: ecco, questo modo d’essere è l’amore. E poi: l’umano arriva dove arriva l’amore; non ha confini se non quelli che gli diamo.

Le notti bianche, Fëdor Dostoevskij

Capitano a volte incontri con persone a noi assolutamente estranee, per le quali proviamo interesse fin dal primo sguardo, all’improvviso, in maniera inaspettata, prima che una sola parola venga pronunciata.

Il Piccolo Principe, Antoine de Saint-Exupéry

Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno l’uno dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo.

Il giorno prima della felicità, Erri De Luca

Poi mi prese la faccia fra le mani e spinse la bocca ritoccata a rosa contro la mia respirando profondo. Fu il più speciale dolore, una fitta agli occhi e uno squaglio di cioccolata in bocca.

Un amore, Dino Buzzati

Eppure, in quella svergognata e puntigliosa ragazzina una bellezza risplendeva ch’egli non riusciva a definire per cui era diversa da tutte le altre ragazze come lei, pronte a rispondere al telefono. Le altre, al paragone, erano morte. In lei, Laide, viveva meravigliosamente la città, dura, decisa, presuntuosa, sfacciata, orgogliosa, insolente. Nella degradazione degli animi e delle cose, fra suoni e luci equivoci, all’ombra tetra dei condomini, fra le muraglie di cemento e di gesso, nella frenetica desolazione, una specie di fiore.

Orgoglio e pregiudizio, Jane Austen

Ho lottato invano. Non c’è rimedio. Non sono in grado di reprimere i miei sentimenti. Lasciate che vi dica con quanto ardore io vi ammiri e vi ami.

Anna Karenina, Lev Tolstoj

Non c’era bisogno di chiedergli perché fosse lì. Era certa, come fosse lui stesso a dirglielo, che era lì per essere dov’era lei.

Il Gattopardo, Giuseppe Tomasi di Lampedusa

L’amore. Certo, l’amore. Fuoco e fiamme per un anno, cenere per trenta.

Chiedi alla polvere, John Fante

Quelli che vale la pena di amare veramente sono quelli che ti rendono estraneo a te stesso. Quelli che riescono a estirparti dal tuo habitat e dal tuo viaggio, e ti trapiantano in un altro ecosistema, riuscendo a tenerti in vita in quella giungla che non conosci e dove certamente moriresti se non fosse che loro sono lì e ti insegnano i passi i gesti e le parole: e tu, contro ogni previsione, sei in grado di ripeterli.

Immagine via Flickr