Guida alla lettura di Ernest Hemingway

Guida alla lettura di Ernest Hemingway

Ernest Hemingway è uno degli scrittori più grandi della storia della letteratura: il suo stile asciutto—composto da una prosa chiara e da un uso bilanciato del periodare—ne ha fatto un esempio per tutta una generazione di scrittori americani, fra cui il più noto è Raymond Carver.

La sua immagine non è però legata soltanto al suo lavoro: Hemingway è stato anche uno degli scrittori più celebri del suo tempo, e spesso la fama che aveva ottenuto, basata sulla sua vena machista ed eccentrica (ad appena 30 anni spingeva i conoscenti a chiamarlo “Papa“), ne hanno offuscato le opere.

Nato a Oak Park, un sobborgo di Chicago, nel 1899, Hemingway passò un’infanzia dividendosi fra gli interessi artistici e musicali della madre e le battute di caccia e di pesca con il padre. Dopo avere prestato servizio come barelliere durante la prima guerra mondiale, esordì come cronista del Kansas City Star, e dopo poco tempo, sfruttando anche il favorevole cambio della moneta, si fece trasferire come inviato a Parigi, dove all’epoca soggiornavano tutti i più grandi artisti contemporanei.

Hemingway-1

Fu proprio in Europa che Hemingway, spinto dalla scrittrice Gertrude Stein e dal poeta Ezra Pound, lavorò al suo primo romanzo, Fiesta, che cominciò a Valencia durante un viaggio. Fiesta si contraddistinse immediatamente come un romanzo che metteva in mostra le doti di un giovane scrittore di grande talento. Il ritmo dei dialoghi, la spigliatezza nella scrittura e il tono melanconico ma al tempo stesso venato da uno strano stoicismo moderno presentarono quindi questo giovane autore 27enne al mondo.

Fu però il romanzo successivo, Addio Alle Armi, in cui lo scrittore mostra parte della sua esperienza bellica, che Hemingway riesce ad ottenere i primi veri riscontri di pubblico mondiale.

Hemingway-2

In questo periodo, inoltre comincia a lavorare ad alcuni dei racconti che finiranno nella raccolta I Quarantanove Racconti, che contiene alcune delle vette mai più raggiunte dall’autore, come La Breve Vita Felice di Francis Macomber, Le Nevi del Kilimangiaro, Grande Fiume dai Due Cuori, Colline Come Elefanti Bianchi, I Sicari Un Posto Pulito, Illuminato Bene.

Lo stile dello scrittore, infatti, si sposava molto meglio con la struttura breve del racconto, e sono proprio questi lavori quelli in cui dimostrò il maggior estro.

Con i romanzi successivi—Per Chi Suona La Campana, Il Vecchio e Il Mare e Festa Mobile—Hemingway si guadagnerà la gloria imperitura nel Parnaso degli scrittori.

Immagini: Copertina | 1 | 2