La Cappella Palatina di Palermo: una delle chiese più belle del mondo

La Cappella Palatina di Palermo: una delle chiese più belle del mondo

Recentemente il Telegraph ha stilato una classifica delle 23 chiese più belle del mondo, e fra queste ne ha inserita anche una molto particolare, la Cappella Palatina di Palermo.

Fra le chiese menzionate, la Cappella Palatina è l’unica italiana, ed è stata scelta per la sua bellezza peculiare, che ogni anno attira moltissimi visitatori.

La basilica—composta da tre navate—è dedicata a San Pietro, e si trova all’interno del complesso architettonico di Palazzo dei Normanni. La sua costruzione risale al 1130, su commissione di re Ruggero II di Sicilia, che voleva una chiesa privata per le funzioni della famiglia reale.

La fastosità dell’edificio non è nota soltanto per i numerosi arabeschi, intarsi e manufatti marmorei: durante il Rinascimento fu restaurata dal famoso architetto Domenico Gagini, che contribuì ad ampliare gli stili e le influenze arabo-normanne che già arricchivano la Cappella.

chiese-1

Le tre navate che compongono la basilica sono separate da colonne di granito e marmo a capitelli, mentre sopra le tre absidi del santuario è costruita la cupola: decorata interamente con preziosi mosaici bizantini, fra cui spicca il Cristo Pantocratore benedicente, l’immagine più famosa della Cappella.

Nel 2002 la struttura venne danneggiata da un terremoto, e per alcuni anni parte della chiesa è stata chiusa al pubblico, per consentire il restauro che venne effettuato dall’architetto Guido Meli dirigente del Centro regionale per il restauro della regione siciliana.

Fortunatamente i lavori sulla chiesa sono andati nel migliore dei modi, e nel 2008 è stata interamente riaperta al pubblico. Nel 2015, inoltre, la sua straordinaria bellezza le è valsa l’inserimento nella lista dei monumenti che fanno parte del Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.

chiese-2

Immagini: Copertina | 1 | 2