Provenza, Costa Brava, Polinesia: i luoghi che hanno ispirato i grandi pittori

Provenza, Costa Brava, Polinesia: i luoghi che hanno ispirato i grandi pittori

Gli artisti traggono ispirazione da qualsiasi cosa. Dalle persone, dagli avvenimenti storici, dalla natura, dai propri sentimenti e soprattutto dai luoghi. Un viaggio in una determinata località—attraverso i colori, il territorio, il cibo, ad esempio—può cambiare totalmente il modo di dipingere.

Nel corso del tempo, infatti, sono stati molti i luoghi che hanno ispirato i grandi pittori. Dalla Costa Brava alla Provenza, dalla Tunisia alla Polinesia. Località che hanno mutato per sempre l’immaginario di grandi artisti come Vincent Van Gogh, Salvador Dalí, e Paul Gauguin.

La Costa Brava di Salvador Dalí

Il famoso “triangolo di Dalí” è quella parte della Costa Brava in cui si è concentrata la vita dell’artista spagnolo. Si tratta di tre piccole città: Figueres (sua città natale), Pubòl, e Port Lligat. Quest’ultima, in particolare era la meta del soggiorno delle vacanze di Dalí.

Una piccola perla della Costa Brava—fra rocce sinuose, un mare limpidissimo, e grandi uliveti—in cui l’artista fece costruire una casa-museo, e in cui creò alcune delle sue opere più famose. Come La persistenza della memoria, nel 1931.

Da visitare, tra queste piccole cittadine della Costa Brava, ci sono molti luoghi della vita di Dalí. Come il teatro-museo di Figueres—che contiene 1500 fra opere e cimeli dell’artista. Il Castello Gala-Dalí di Pubòl: che venne interamente restaurato dall’artista. E appunto la sua casa-museo di Port Lligat: in cui si può respirare la presenza inconfondibile dell’artista.

View this post on Instagram

Visionarire ??✨

A post shared by Alvaro Dols (@alvarodols) on

La Provenza di Vincent Van Gogh

Alla fine del 1888, dopo la fine della convivenza col fratello Théo a Parigi, Van Gogh decise di trasferirsi in Provenza. Per apprezzare maggiormente le luci mediterranee—a lui così estranee—e concentrarsi sulla pittura. Si stabilì ad Arles—nella pensione-ristorante Carrel—dove produsse alcune delle sue opere più famose.

Come ad esempio La camera di Vincent ad Arles (1888), Il caffè di notte (1888), Terrazza del caffè la sera, Place du Forum, Arles (1888), Notte stellata sul Rodano (1888), e tutta la famosa serie de I Girasoli. Uno dei periodi più fecondi della carriera di van Gogh.

La Polinesia di Paul Gauguin

Tra 1891 e il 1903—anno della scomparsa—Gauguin passò molto tempo in Polinesia. Dove si era trasferito per sottrarsi alla vita frenetica francese. Sentiva il bisogno di ritirarsi in un luogo calmo, naturale, attraverso cui rientrare in contatto con se stesso.

Inizialmente approdò a Tahiti, e poi—alla ricerca di un luogo ancor più isolato—arrivò sull’isola di Hiva Oa. Nell’arcipelago delle Marchesi. Qui entrò in contatto diretto con le culture indigene del Pacifico. Ebbe modo di vedere la sua natura rigogliosa, e le usanze dei popoli che abitavano i piccoli villaggi delle isole. Ne rimase folgorato. E le ultime opere della sua vita sono intrise di questa influenza.

La Tunisia di Paul Klee

Nel 1914 Paul Klee, celebre pittore astrattista del movimento Der Blaue Reiter, fondato insieme Vasilij Kandinskij, si recò ad Hammamet, in Tunisia, insieme al pittore August Macke. Ciò che stupì il pittore del Paese africano fu soprattutto la luce. Che mostrava i colori attraverso un filtro che non aveva mai potuto osservare. L’impatto artistico fu strabiliante: tanto che lo stesso Klee, al ritorno in patria, sostenne di “sentirsi un vero pittore.”

La Costa Azzurra di Pablo Picasso

Subito dopo la fine della Seconda guerra mondiale, Picasso volle lasciare Parigi. Il conflitto lo aveva stravolto, e voleva trovare una meta in cui rifugiarsi, e ritrovare il piacere della vita. Un luogo tranquillo, in cui dipingere e riflettere sul lutto della guerra.

Così decise di passare del tempo in Costa Azzurra. Prima ad Antibes, una cittadina di mare delle Alpi Marittime francesi, e successivamente a Vallauris. Dove trovò finalmente la tranquillità per poter riflettere sul dramma appena vissuto. E infatti, da questo lungo soggiorno, sono nati grandi capolavori. Come ad esempio il monumentale La Guerra e la Pace

Immagini: Copertina