Le mani che escono dal canale di Venezia per sensibilizzare sul cambiamento climatico

Le mani che escono dal canale di Venezia per sensibilizzare sul cambiamento climatico

Uno dei più grandi pregi dell’arte contemporanea consiste nella capacità di esprimere un messaggio su questioni complesse in maniera semplice e diretta. Purtroppo non sempre accade, ma quando succede è inevitabile che nella tua testa inizino a girare pensieri su cosa potrai fare per rendere, nel tuo piccolo, il mondo un posto migliore. In questa prospettiva “Support (sostenere/reggere), un’installazione sbucata dal Canal Grande di Venezia, colpisce nel segno.

[advertise id=”hello-amazon”]

L’opera composta da due gigantesche mani è stata realizzata dallo scultore italiano, conosciuto in tutto il mondo, Lorenzo Quinn, in occasione dell’ultima edizione della Biennale di Venezia che si concluderà il prossimo 26 novembre.

In un’intervista rilasciata a Creators l’artista ha spiegato che se il significante dell’opera—la quale sorregge l’Hotel Ca’ Sagredo in stile bizantino—è comprensibile a vista d’occhio, il messaggio che veicola lo è ancora di più: bisogna sostenere tanto Venezia quanto il nostro pianeta dagli effetti del cambiamento climatico.

'SUPPORT' in Venice to support this wonder of city that is threatened by climate change like many other world Heritage sites around the world. I hope my art brings a new focus of attention to a global calamity that we are faced with. Art in 'Support' of art: Venice is now the art capital of the world during the Venice Biennale but the city of art is threatened and needs our help and protection. ——A big thank you to the city of Venice and especially to its Mayor Luigi Brugnaro for believing in this installation from the beginning, to Ca' Sagredo hotel represented by Lorenza Lain (the force of Nature) to C and C architectural Studio, Fulvio Caputo, Marco Zanon, Ufficine delle Zattere, Luisa Flora, Tecmolde, Julio and Irene Luzan and the entire team, She Digital, Grupoo Orseolo with Rein srl and the Gondolieri of Venice. To my super team in Spain at Quinn Creations To my family, my wife and especially my son Anthony for letting me use his hands, and of course to @halcyongallery , representanted by Paul Green, Udi Sheleg and assisted by Shani, Helga and all in the gallery, because without their continued organizational, moral, artistic and financial 'support' none of this could have happened. #biennale2017venezia #biennale2017 #lorenzoquinn #lorenzoquinnartist #venezia #halcyongallery #support #supportart #climatechange Video credit: Sam Ramsden @dojofilms_sam

A post shared by Official Lorenzo Quinn (@lorenzoquinnartist) on

È un messaggio che non riguarda soltanto noi, ma che guarda con lungimiranza al futuro dei nostri figli, nipoti, pronipoti. Le mani sono lunghe 12 metri, pesano 2500 chilogrammi l’una e resistono grazie a una struttura interna di metallo. L’artista ha utilizzato come modello le mani del suo figlioletto di 11 anni.

Si tratta di un’idea che, trasformata in opera, rientra perfettamente nella cornice di Venezia: città conosciuta per le sue peculiarità uniche tra laguna e gondole, ma costantemente monitorata per le fragilità che potrebbero manifestarsi a causa dei cambiamenti della morfologia del nostro pianeta, dettati dall’innalzamento delle temperature e descritti perfettamente nel timelapse di Google che mostra come è cambiata la terra negli ultimi 30 anni.

A tal proposito l’artista, in un post nel suo profilo Instagram, ha scritto: “In un modo chiaro, semplice e diretto attraverso le mani innocenti di un bambino, [Support] evoca un potente messaggio, ovvero ciò che si può fare per frenare il cambiamento climatico che riguarda tutti noi “.

A big thank you to all for your comments and likes. It's been overwhelming. I wish I could thank each and everyone of you individually. This sculpture 'Support' placed in Venice at Ca' Sagredo, coinciding with the opening of the Venice Biennale, wants to speak to the people in a clear, simple and direct way through the innocent hands of a child and it evokes a powerful message which is that united we can make a stand to curb the climate change that affects us all. We must all collectively think of how we can protect our planet and by doing that we can protect our national heritage sites… Support our planet support our heritage! A warm hug, Lorenzo THE INSTALLATION WILL BE AT CA' SAGREDO UNTIL NOVEMBER 26th a #halcyongallery #casagredohotelvenice #lorenzoquinn #lorenzoquinnartist #biennale2017 #LorenzoQuinnVenice #support #supportart #worldheritage #worldheritagesite @awesome.earth

A post shared by Official Lorenzo Quinn (@lorenzoquinnartist) on

Una curiosità: lo scultore è figlio d’arte. Suo padre, infatti, è il noto attore Anthony Quinn, che ha lavorato molto spesso a Cinecittà durante la sua carriera.

Per vedere altri lavori di Lorenzo Quinn segui il suo profilo Instagram.

Immagine di copertina via Instagram