Il manoscritto Voynich,

Il manoscritto Voynich, "il libro più misterioso del mondo"

Nella storia della letteratura ci sono libri difficili e libri che, per questo, facciamo finta di aver letto. Se risaliamo ancora più su nel tempo, prima dell’epoca contemporanea, dobbiamo però citare un libro che forse batte ogni record: un libro impossibile, nel vero senso del termine. Il manoscritto Voynich.

Il testo del XV è stato definito “il libro più misterioso del mondo”. Il volume è composto da 204 pagine (14 fogli sono andati smarriti), è suddiviso in quattro sezioni, botanica, astronomia, biologia e farmacologia e oltre a essere pieno di illustrazioni la lingua delle descrizioni è incomprensibile o forse in codice.

Nessuno finora è riuscito a decifrarla, molti sono stati gli eruditi che sono caduti nelle sue grinfie. Già nel 1921 un professore di filosofia medievale aveva provato a comprendere la lingua non riuscendo ad arrivare da nessuna parte.

Due professori di Yale ipotizzarono che il testo in realtà non significasse nulla ma era una truffa per sfruttare il successo delle opere esoteriche che in quel momento stavano riscuotendo in tutta Europa. Qualcun altro ipotizzò si trattasse di ucraino con le vocali rimosse. In alcuni casi il discorso filava ma non c’era nessuna corrispondenza con le immagini.

2

Il manoscritto è ancora oggi oggetto di studi filologici. L’ultimo in ordine cronologico è quello di Stephen Bax, professore dell’università di Bedfordshire, che è riuscito in parte a decifrare l’oscuro alfabeto.

“Il manoscritto è pieno di illustrazioni di stelle e piante: per identificare i nomi ho comparato il Voynich con altri manoscritti medievali in arabo e in altre lingue”.

3

Bax ha decodificato una decina di simboli in tutto, tra questi c’è la parola “ginepro“. Ecco come ha fatto: la parola vicina a quella che sembrava essere una pianta di ginepro è stata confrontata con la parola “oror” dell’alfabeto romano e quindi alla pronuncia “a’ra’r” del nome arabo usato per ginepro. Alcuni di questi simboli sono stati poi ritrovati nella costellazione del Toro identificando un potenziale termine corrispondente alla parola Taurus.

Lo scienziato è convinto di aver trovato il metodo giusto per mettere insieme l’alfabeto Voynich al completo, soltanto che ci vorrà molto ma molto tempo. Solo il tempo potrà dire se la strada intrapresa è quella corretta. In caso volessi provarci anche tu, qui trovi il manoscritto integrale.

4

Immagini via Flickr | Copertina | 1 | 2 | 3