I 10 migliori film apocalittici, post apocalittici e disaster movie

I 10 migliori film apocalittici, post apocalittici e disaster movie

Film apocalittici: cosa sono? Il genere cinematografico denominato catastrofista e apocalittico, ha visto uno sviluppo intensivo nelle produzioni hollywoodiane degli ultimi due decenni. L’arrivo del nuovo millennio ha sicuramente influito sulla volontà di raccontare i disastri ambientali e i possibili nuovi scenari terrestri. Ecco quindi la produzione di molti film apocalittici usciti nelle sale. La tematica è prevalentemente quella del disastro naturale, provocato dall’uomo sulla Natura, fino alla scomparsa del genere umano, causato di solito da forme di vita extra-terresti, pandemie incontenibili o esperimenti scientifici finiti male. Nell’ambito della fantascienza, il filone catastrofico (o catastrofista) viene fatto rientrare nella fantascienza apocalittica.

Vediamo insieme la lista dei 10 migliori film apocalittici, post apocalittici e disaster movie degli ultimi anni.

1 –  The Road, regia di John Hillcoat, 2010
Tratto dal romanzo omonimo di Cormac McCarthy, The Road è un film catastrofico post-apocalittico che racconta del rapporto simbiotico tra un padre e un figlio. Ambientato in una landa desolata che una volta era chiamata America, padre e figlio marciano senza destinazione, nella speranza di trovare qualcosa che li faccia sopravvivere in un mondo dominato dalla legge del più forte e scandito da violenze e soprusi. Viggo Mortensen è sublime in questo ruolo. Il film è uno studio spietato su quanto in là si possa spingere la disperazione umana e l’istinto di sopravvivenza.

2 – Contagion. Regia di Steven Soderbergh, 2011
Il film è uscito 9 anni fa e racconta del contagio dovuto a un’epidemia simile nelle caratteristiche a quella attuale. Un virus si espande tra la popolazione di tutto il mondo, partendo proprio dalla Cina, dopo che è riuscito a passare da animale a essere umano, grazie a un salto di specie. Il regista alla fine del film illustra con precisione il collegamento che fa il germe, passando da un pipistrello a un maiale, e da lì a un cuoco. Cast stellare: Marion Cotillard, Matt Damon, Jude Law, Gwyneth Paltrow, Kate Winslet e Bryan Cranston.

3 – Io sono Leggenda, regia di Francis Lawrence, 2007
Basato sull’omonimo romanzo di Richard Matheson, il film è incentrato sul personaggio di Will Smith,  il protagonista assoluto di questa pellicola che racconta un mondo post apocalittico stravolto da un virus che rende le persone degli zombie assassini. Il film racconta la vita di un sopravvissuto in lotta contro la solitudine che verrà interrotta dall’incontro fortuito con una donna e suo figlio.

4 – 28 giorni dopo, regia di Danny Boyle, 2002
Film catastrofista post-apocalittico che racconta di un potente virus diffuso dagli scimpanzé che provoca in chi lo contrae uno stato di rabbia omicida. Un gruppo di animalisti tenta di liberare delle scimmie che venivano usate come cavie per dei test scientifici. Il loro nobile intento si rivela purtroppo la più grande piaga accaduta sul pianeta, dato che le scimmie sono portatrici di un questo terribile virus. La malattia, altamente contagiosa, è in grado di trasformare in pochi secondi una persona in un essere rabbioso e assassino. A metà strada tra zombie movie e disaster movie, la pellicola è piena di suspance.

5 – I figli degli uomini, regia di Alfonso Cuaron, 2006
Nel 2009 le donne di tutto il mondo hanno perso la capacità di avere figli. Nessuno sa come o perché. Mentre il cittadino più giovane del mondo muore a 18 anni, l’umanità si confronta con la propria mortalità su scala globale. Governi crollano, il panico si impadronisce di tutti e il Regno Unito si trasforma in un gigante rifugio per disperati di tutto il mondo che cercano un luogo dove trovare pace, o quantomeno sopravvivere. Mortalità e speranza sono i temi trattati nel film dal regista acclamato Cuaron.

6 – The Mist, regia di Frank Darabont, 2007
Uno dei migliori adattamenti di un romanzo di Stephen King, è una rielaborazione del racconto La Nebbia, contenuto nella raccolta Scheletri. Diretto da Frank Darabont, già regista de Le Ali Della Libertà e Il Miglio Verde, The Mist parte da un soggetto molto semplice: in una paesino di campagna del Maine una fitta nebbia ricopre l’intera valle, portando con sé creature mostruose di altri mondi. L’azione si concentra sugli eventi che accadono al supermercato locale, ricordando un po’ la saga Zombie di Romero. Grazie ad uno storytelling sempre incalzante e un finale scioccante, The Mist è una perla poco conosciuta ma piuttosto ben fatta per tutti gli amanti del genere.

7 – The Day After Tomorrow – L’alba del giorno dopo, regia di Roland Emmerich, 2004
Dal famoso regista di Godzilla, un film che fa della spettacolarità visiva il suo fulcro. Film che racconta lo stravolgimento climatico e una nuova glaciazione terrestre. Non può mancare nemmeno il racconto sociale e i temi ambientalisti. Un buon blockbuster e una delle prime interpretazioni di Jake Gyllenhaal.

8 – Cloverfield, regia di Matt Reeves, 2008
La storia parla di sei ragazzi di New York in fuga dagli attacchi di un misterioso mostro gigante che sta radendo al suolo la città. Il mondo finisce a causa di questo mostro: Godzilla. La particolarità di questo film è come è stato girato: in forma di video ritrovato, ovvero tramite il punto di vista di una videocamera amatoriale portata a mano  dai protagonisti, alla scoperta della catastrofe che avviene sotto i loro occhi. Prodotto da un maestro del genere: J. J. Abrams. Un’idea molto originale.

9 – La guerra dei mondi, regia di Steven Spielberg, 2005
Il film più sottovalutato di Spielberg, in realtà è uno dei più interessanti del genere catastrofista. L’Apocalisse rimane sempre sullo sfondo e gli alieni distruggono la città ma la macchina da presa rimane distante e filma l’intimità dei personaggi più che la distruzione esterna. E’ un percorso di crescita di un uomo, Tom Cruise, che impara ad essere padre. Un ruolo nuovo per Tom Cruise.

10 – 2012, regia di Roland Emmerich, 2009
Il film riprende la profezia del popolo Maya che avrebbe predetto la fine del mondo nel 2012. Nel 2009 viene rilevata un’improvvisa variazione dell’emissione dei neutrini solari e il conseguente surriscaldamento del nucleo terrestre. La scoperta viene studiata e il governo americano decide che è inevitabile un piano di evacuazione di massa, mantenendo il segreto sulla futura minaccia globale. Ma il cataclisma globale provoca la morte del pianeta e i pochi sopravvissuti lotteranno per non estinguersi.

Per approfondire: non abbiamo inserito alcuni film apocalittici per motivi di spazio. Oltre a questa lista quindi, vogliamo indicarti anche altre pellicole che hanno segnato il genere catastrofico. Tra queste Deep Impact del 1998, con una bravissima Tea Leoni e Melancholia, film del 2011 di Lars Von Trier, un film dove la poesia si unisce al dramma. Insomma se ami i film apocalittici, questi sono quelli giusti per te.

Immagine cover: Wikipedia