I migliori libri da regalare a Natale

I migliori libri da regalare a Natale

Le feste natalizie sono un momento ideale per stilare classifiche di fine anno e magari farsi venire un’idea per gli ultimi regali da mettere sotto l’albero degli amiciparenti. In libreria è stato un anno ricco di ottime uscite e qualcuno ha già pensato di stilare una lista delle migliori.

È il caso della Lettura del Corriere della Sera, l’inserto culturale, che qualche giorno fa ha pubblicato i nomi dei vincitori. A scegliere i libri più belli ci hanno pensato giornalisti, scrittori, studiosi, redattori e collaboratori del giornale (un numero complessivo di 292 “lettori illustri“). Vediamo insieme cinque libri tra i più belli usciti in Italia.

Eccomi di Jonathan Safran Foer

Dopo “Il cardellino” di Donna Tartt del 2014, “Non luogo a procedere” di Claudio Magris dell’anno scorso, a vincere la classifica italiana del migliore libro del 2016 è “Eccomi” di Safran Foer. Il romanzo era molto atteso, uscito a undici anni di distanza dal precedente. “Eccomi” narra le vicende di una famiglia in crisi. Ambientata a Washington nell’arco di quattro settimane la storia vede Jacob, Julia e i loro tre figli “costretti a confrontarsi con la distanza tra la vita che desiderano e quella che si trovano a vivere”.

Dove la storia finisce di Alessandro Piperno

Al secondo posto della classifica troviamo un grande scrittore italiano, Alessandro Piperno, con “Dove la storia finisce”. Il protagonista è fuggito in California per liberarsi delle rappresaglie di uno strozzino, abbandonando la sua famiglia. Il ritorno, dopo vent’anni, distrugge l’equilibrio che la moglie e i figli avevano cercato di ricostruire faticosamente.

Purity di Jonathan Franzen

Al terzo gradino del podio troviamo un altro grande scrittore americano e un’altra storia che racconta le vicende di una famiglia infelice. Lo scrittore, giornalista e critico Christian Raimo ha detto a proposito del romanzo: “È probabilmente il libro migliore che potrete leggere quest’anno. La qualità della scrittura è talmente indiscutibile che anche recensirlo diventa un esercizio impegnativo, complicato dal confronto con il suo talento impressionante”.

La vegetariana di Han Kang

La giovane scrittrice coreana ha vinto con questo libro l’edizione 2016 del Man Booker International Prize, il più importante premio letterario dedicato alla narrativa tradotta nel Regno Unito. Il romanzo racconta la storia di una donna che decide di diventare vegetariana. In Corea del Sud è una scelta molto coraggiosa, visto che generalmente è malvista. Il libro, nella bellissima traduzione italiana di Milena Zemira Ciccimarra per Adelphi, sta riscuotendo un notevole successo anche qui da noi.

Fine Turno di Stephen King

Dopo “Mr. Mercedes” e “Chi perde paga“, Stephen King conclude la sua ultima trilogia poliziesca con Fine Turno”. “Questo libro”, ha detto il suo autore: “è la mia personale incursione nei mondi del fantasy e dell’horror. È una danza. A volte spengono le luci in sala da ballo. Ma balliamo lo stesso, io e voi. Anche al buio. specialmente al buio. Mi concedete questo ballo?” A quanto pare è già prevista una miniserie tv: prima che sia troppo tardi, porta a termine (o inizia) quest’ultima grande fatica del “Re del brivido“.

Immagine via Flickr