Il misterioso autore che più di 300 anni fa ha catalogato in un libro tutti i colori immaginabili

Il misterioso autore che più di 300 anni fa ha catalogato in un libro tutti i colori immaginabili

Quanti tipi di rosso conosci? Con un autentico sforzo mnemonico ci viene in mente lo scarlatto, il carminio, ciliegia, cremisi, amaranto, magenta… per tutti gli altri c’è il Pantone da consultare. La catalogazione messa a punto dall’azienda statunitense è oggi una sorta di “Bibbia cromatica” usata in vari ambiti, dall’industria, alla chimica, passando ovviamente per l’arte.

Eppure prima del sistema di codici associati ai colori sviluppato da Pantone, c’è stato un autore, misterioso, che ha dedicato la sua intera vita a comporre un libro unico e irripetibile. Un libro di oltre 700 pagine dedicato interamente ai colori. Di lui sappiamo pochissimo. Oltre al nome, A. Boogert, conosciamo la sua provenienza olandese e la data del suo incredibile volume: 1692. Più di 270 anni prima di Pantone.

Il manoscritto reca il titolo “Traité des couleurs servant à la peinture à l’eau” ( “Teoria dei colori per la pittura con acqua”) ed è il primo, più completo e comprensibile testo sulla materia dei colori.

271 Years Before Pantone, an artist known as “A. Boogert” has written a 800-Page Book in Dutch about mixing watercolors ?? #aboogert #pantone

A post shared by NIHAN PEKER (@nihanpeker) on

All’interno dell’opera di Boogert c’è un’infinità di esempi, con aggiunte, vicino a ogni campione cromatico, le descrizioni e le istruzioni per creare quella precisa sfumatura, aggiungendo o sottraendo uno strato d’acqua.

Su ogni pagina si possono ammirare quasi sempre tre o quattro esempi di gradazione ai quali sono stati aggiunti uno, due o tre porzioni di acqua. Così ad esempio, il colore che si avvicina di più al rosso acceso, passa all’arancione e arriva fino a un rosa salmone.

De klaarlichtende spiegel der verfkunst #kleurenboek #kleurenwaaier uit 1692 #handgeschilderd door #aboogert #handgeschreven #historische #kleuren ter vermaak en onderwijs der onkundigen #erikkwakkel #BibliothequeMejanes #loveit #nik_interieur_kleuradvies

A post shared by NIK Interieur&Kleuradvies (@nik_interieur_kleuradvies) on

Una curiosità storica: la pittura a olio, oggi la più diffusa, viene codificata nel 1410 dal pittore fiammingo Jan Van Eyck, ma bisogna aspettare ancora molti anni per riscontrare la sua fortuna nel mondo dell’arte.

Fascinated by the work of A. Boogert, a man who created a massive manual on color nearly three centuries before Pantone ever came into being – [ Traité des couleurs servant à la peinture à l’eau – 1962 ] #enjoy

A post shared by m a r i a r o m e r o (@mariaromerotextiles) on

È proprio l’esplosione dell’arte fiamminga di quegli anni che ha spinto Boogert a comporre questo libro. Il bibliografo e medievalista Erik Kwakkel è stato lo studioso che ha avuto il merito di dare finalmente l’attenzione pubblica a questa grande opera. Il libro è conservato nella Biblioteca Méjanes di Aix-en-Provence in Francia.

Kwakkel non ha scoperto il volume in qualche cantina di Amsterdam o su un banco di in un mercatino dell’usato. L’ha studiato nella biblioteca e attraverso alcune foto ha permesso la sua diffusione.

#masterpiece #klaerlightendespiegelderverfkonst #1692 #aboogert #manual #colors

A post shared by @dani2dani on

Traducendo l’introduzione ha scoperto che lo scopo del libro originariamente era educativo, pensato per i pittori dell’epoca che avevano bisogno di conoscere tutte le sfumature possibili dei colori.

Purtroppo vista l’unicità dell’opera (completamente scritta e disegnata a mano dall’autore) il libro non è stato possibile ricopiarlo o “ristamparlo”. Si è dovuto attendere soltanto la scansione in alta definizione (in grado di cogliere le sfumature sulle quali si poggia la straordinarietà dell’opera) per potergli rendere finalmente giustizia.

a page from "Traité des couleurs servant à la peinture à l’eau" by A. Boogert 1692 #aboogert #greyscale #pantone #dutchwatercolor #watercolor

A post shared by AMEICO (@ameico_design) on

Immagine di copertina via Instagram