Il mito del fotografo Robert Capa nato grazie ad una donna: Gerda Taro

Il mito del fotografo Robert Capa nato grazie ad una donna: Gerda Taro

Gli scatti di Robert Capa ripercorrono i momenti storici più importanti del Novecento. Durante la sua vita, il fotografo ungherese ha documentato eventi come la guerra civile spagnola, lo sbarco in Normandia, la prima guerra d’Indocina.

Ha fondato nel 1947, insieme a Henri Cartier-Bresson, la famosa agenzia fotografia Magnum Photoche ha inventato il fotogiornalismo, raccontando 70 anni di storia mondiale. Nonostante la fama di Capa, non tutti sono a conoscenza di come il suo mito sia stato creato grazie all’incontro con una donna: Gerda Taro.

Tutto ha inizio nella Parigi del 1935, quando i due si presentano coi loro nomi di battesimo: lei è Gerda Pohorylle, un’ebrea tedesca di 24 anni dalle origini borghesi; lui Endre Friedmann, un fotografo ebreo scappato per ragioni politiche dall’Ungheria fascista di Horthy.

View this post on Instagram

HISTORY LESSON (ft. Alt J!): Robert Capa (born Andre Friedmann) and Gerda Taro (born Gerta Pohorylle) were a photography power couple who documented the Spanish Civil War; Capa also documented Indochina War during the '50s. As Jewish people, they changed their birth names so as to pursue their careers unhindered by hatred. They captured some of history's most important images. Capa is most famed for his photograph of a falling Republican soldier moments after being shot (last image). Capa described how the Republican soldiers left the trenches to fire their old, outdated rifles at the enemy and fight against the advanced machine guns carried by the troops loyal to Francisco Franco. This was the plight of the revolutionaries of the time, who were made up of Spaniards and international brigaders (travelling from other parts of the world such as Britain and the USA) who heard about Spains cause and made it their own. But as for the rest of the world; nobody heard them, nobody helped. Both Capa and Taro were fully immersed into the cause – to free Spain from totalitarianism, nationalism and fascism. They loved during one of the most uncertain moments of history – when all was poverty, hateful and impossible at times, the two found a bond and a shared passion that will remain a tale of love and tragedy within the history books forever. Sadly, Taro was killed on 26 July 1937 whilst on the front lines, something Capa never truly recovered from. She is regarded as the first woman photojournalist to have died while covering the frontline in a war. Almost two decades later, on 25th May 1954, Capa was killed during his time chronicling the Indochina war – he tried to take a shot of troops advancing but took one wrong step and set off a land mine which tore him to shreds. War is not glamorous. You may know the Alt J song 'Taro' which immortalised this tragic love story! Thanks for reading! Larga vida a nuestros compañeros, Capa y Taro. #capa #taro #warphotography #history #scw #spanishcivilwar #indochina #1930s #vivalarepublica #nopasaran #vintagearchives #quiteinteresting #historylesson #altj #historygram #robertcapa #gerdataro

A post shared by B I R M I N G H A M (@emilyvongrimm) on

Endre è bravo, ma poco conosciuto. Almeno fino a quando Gerda non ha un’illuminazione: il suo fidanzato, infatti, non sarà più un rifugiato squattrinato, ma Robert Capa, un fotografo americano di successo. Lo pseudonimo viene scelto per il suono più familiare all’estero e per l’assonanza con il regista americano Capra. Nel frattempo, lei cambierà il suo cognome in Taro e sarà la sua manager.

View this post on Instagram

1944, Junio 6: Llegada de las tropas americanas a Normandía

A post shared by Robert Capa (@robert_capa_photography) on

L’intuizione è corretta: svariate agenzie vogliono conoscere e avere tra le loro file l’affermato Robert Capa. Mentre le finanze dei due migliorano, Robert insegna a Gerda le varie tecniche fotografiche e nel 1936 decidono di partire per il fronte spagnolo insieme. Le loro foto sono richiestissime.

View this post on Instagram

1944, Junio 6: Llegada de las tropas americanas a Normandía

A post shared by Robert Capa (@robert_capa_photography) on

Le cose, però, sono destinate ancora a cambiare. Purtroppo, la giovanissima Gerda muore sul campo di battaglia della guerra civile spagnola. Rimane vittima di un brutto incidente, causato dal trambusto delle mitragliatrici dell’aviazione tedesca. E’ la prima fotografa caduta su un campo di battaglia. Endre Friedman, ormai noto come Robert Capa, ne esce distrutto: non si sposerà mai.

Troverà lo stesso destino di Gerda qualche anno più tardi, quando morirà in Indocina nel 1954 a causa di una mina inesplosa. La storia narra che il corpo venne ritrovato con la macchina fotografica ancora ben salda in mano.

View this post on Instagram

1944, Junio: Soldados alemanes capturados por el ejército francés

A post shared by Robert Capa (@robert_capa_photography) on

Per approfondire:  Il Premio Strega 2018 è stato vinto da una donna, Helena Janeczek con un libro che racconta proprio di Gerda: La ragazza con la Leica, edito da Guanda. L’autrice ha scritto un libro che è frutto di un lavoro di documentazione scrupoloso, narrato in forma romanzata. Il romanzo inizia Il 1° agosto 1937 durante il corteo funebre per Gerda Taro. Proprio quel giorno avrebbe compiuto ventisette anni. Robert Capa, in prima fila, è distrutto: erano stati felici insieme.

Immagine via Flickr