Arriva la mostra su Henri Cartier-Bresson al Palazzo Ducale di Genova

Arriva la mostra su Henri Cartier-Bresson al Palazzo Ducale di Genova

“Ho scoperto la Leica; è diventata il prolungamento del mio occhio e non mi lascia più. Ho capito all’improvviso che la fotografia poteva fissare l’eternità in un attimo. Quando mi interrogano sul ruolo del fotografo ai nostri tempi, sul potere dell’immagine, ecc. non mi va di lanciarmi in spiegazioni, so soltanto che le persone capaci di vedere sono rare quanto quelle capaci di ascoltare”.

[advertise id=”hello-amazon”]

Queste che hai appena letto sono solo alcune delle massime che negli anni sono state raccolte nelle varie discussioni intraprese con Henri Cartier-Bresson.

Henri Cartier-Bresson non ha bisogno di presentazioni. È stato un fotografo francese; ed è tutt’ora considerato il pioniere del foto-giornalismo; e nel settore, se qualcuno parla dell'”occhio del secolo” scorso, si sta riferendo di certo a lui e alla sua produzione fotografica.

Se sei un appassionato del suo lavoro e magari non sei ancora riuscito a vedere un suo scatto dal vivo, devi sapere che il Palazzo Ducale di Genova ospita “Henri Cartier-Bresson. Fotografo”, una rassegna di 140 scatti dedicati a uno dei più grandi fotografi del Novecento, allestita alla Loggia degli Abati dall’11 marzo al 17 giugno 2017.

henri cartier bresson mostra genova

Henri Cartier-Bresson durante le rivolte del 1968 a Parigi

Il curatore della mostra, Denis Curti, ha precisato che “per parlare di Henri Cartier-Bresson è bene tenere in vista la sua biografia”, e prendere in considerazione almeno due aneddoti accadutigli nel 1946.

Il primo narra di un Henri Cartier-Bresson che, molto divertito, decide di collaborare col MoMA di New York per organizzare una mostra “postuma” in suo onore—ovviamente dopo aver chiarito coi curatori che fosse ancora vivo e vegeto. Il secondo, invece, riguarda un evento storico: il momento in cui venne fondata la Magnum Photos, l’agenzia fotografica più prestigiosa al mondo. Come arrivò l’idea a Bresson di fondarla insieme a Robert Capa, George Rodger, David Seymour e William Vandivert? Grazie a una bottiglia di spumante, formato magnum, che gli capitò di bere sempre al MoMA.

La mostra al museo dell'Ara Pacis a Roma nel 2014

La mostra al museo dell’Ara Pacis a Roma nel 2014

Il biglietto intero per la mostra è 10 € (ridotto 8€), si può visitare dal martedì alla domenica dalle 10 alle 19. Per tutte le altre informazioni puoi affidarti al sito dell’evento.

Immagini via Flickr e Getty