Il Cavaliere Errante: la mostra su Kandinskij in arrivo a Milano

Il Cavaliere Errante: la mostra su Kandinskij in arrivo a Milano

Con pieno merito, Vasilij Kandinskij è unanimemente considerato il padre dell’astrattismo: la corrente artistica che nei primi anni del ventesimo secolo ha stravolto il mondo della pittura.

Dal 15 marzo fino al 9 luglio il MUDECMuseo delle culture di Milano—inaugurerà una mostra per omaggiare il genio del pittore russo, intitolata “Il Cavaliere Errante“.

[advertise id=”hello-amazon”]

Sarà infatti una mostra site-specific, fondata sul rapporto che esiste fra arte e scienza. Una vera e propria esperienza cognitiva, attraverso cui sarà possibile “passeggiare” nelle opere di Kandinskij.

Il concetto della mostra si ispira alla visione dell’arte dello stesso autore, che durante gli anni della formazione aveva sviluppato un metodo orizzontale e totalitario per approcciare la pittura e la visione di un quadro.

kandinski-1

Nel 1889 decise di visitare il governatorato di Vologda, nel nord della Russia. Studiò le credenze dei komi e degli ziriani, le popolazioni locali, e si accorse che avevano un modo tutto loro di considerare l’arte. “Nelle loro isbe mi sono imbattuto per la prima volta in questo miracolo, che in seguito divenne uno degli elementi del mio lavoro. Qui ho imparato a non guardare al quadro generale dall’esterno, ma a ruotare intorno a esso, vivere in esso. Quando sono entrato nella stanza, la pittura mi ha circondato, e sono entrato in essa”.

Alla mostra del MUDEC, i visitatori potranno—grazie a speciali strumenti multimediali—letteralmente “entrare” nelle opere di Kandinskij. I quadri in mostra a Milano appartengono tutti al periodo russo dell’artista, precedenti al suo trasferimento in Germania, avvenuto nel 1921, e molti di questi saranno esposti in Italia per la prima volta.

Immagini: Copertina | 1