Un murale lungo mezzo chilometro per festeggiare il compleanno di Roma

Un murale lungo mezzo chilometro per festeggiare il compleanno di Roma

È già difficile fare un regalo di compleanno a un amico o al proprio partner, figuriamoci farlo a un’intera città. Per il Natale di Roma, il 21 aprile, bisognava fare qualcosa di grande, adatto alla Città Eterna, per questo si è deciso di chiamare un artista di fama mondiale: William Kentridge.

L’artista sudafricano ha esposto le sue opere e le sue performance in tutto il mondo, dal MoMA al MAXXI passando per San Francisco e Villa Medici. Ha lavorato su stampe, disegni film di animazione. E per il compleanno della capitale ha deciso di superare se stesso e presentare il suo progetto più ambizioso.

L’opera si chiama “Triumphs and Laments” (“Trionfi e Lamenti”) e andrà a coprire un muro di travertino lungo 550 metri che costeggia il Tevere.

Il soggetto dell’opera sarà “il contrasto di Roma”. Ottanta figure alte fino a 10 metri andranno a illustrare i grandi trionfi e le grandi sconfitte nella storia della città. Dal passato mitico di Romolo e Remo fino ai giorni nostri, con il delitto di Pasolini. Il muro è stato ripulito, rimossa la patina accumulata negli anni sul travertino bianco, e i disegni si staglieranno come ombre. La grande processione di sagome si erigerà tra Ponte Sisto e Ponte Mazzini.

Ad accompagnare le straordinarie immagini di William ci sarà anche un evento teatrale creato in collaborazione con il compositore Philip Miller, un evento che prevede un gioco d’ombre dal vivo e la processione di due bande musicali che si esibiranno sullo sfondo dell’opera.

Un maxi evento a cui stanno collaborando più di 200 volontari. L’esibizione si ripeterà il 22 aprile e sarà gratuita e aperta al pubblico. Per vedere lo spettacolo si può sostare sulla banchina di fronte a Piazza Tevere. Tutte le info le trovi qui.

La tecnica utilizzata da Kentridge è simile a quella dello stencil, ma con l’utilizzo dell’idropulitrice al posto della vernice. Un’opera quindi destinata a scomparire nel tempo, quando gli agenti atmosferici e l’inquinamento torneranno a coprire il muro. Un’occasione in più per fermarsi a guardare questo irripetibile spettacolo.

Immagini via YouTube