Il murales a Campobasso tra i venti più belli del mondo

Il murales a Campobasso tra i venti più belli del mondo

Una qualsiasi parete anonima può trasformarsi nella ‘tela’ di un’opera d’arte dai caratteri unici. È ciò che abbiamo imparato nel nostro viaggio attraverso le tue passioni. Ti ricordi per esempio di quella chiesa abbandonata in Marocco trasformata in una fantastica opera di street art? O del progetto Audubon Mural Project che ha prodotto come risultato copiosi murales tra le vie di Manhattan per denunciare l’estinzione di alcuni volatili dal nostro pianeta? O ancora Sandrine Estrade Boulet, l’artista francese che trasforma le ‘brutture’ di Parigi in opere d’arte?

[advertise id=”hello-amazon”]

Per non andare troppo lontano, oggi vogliamo restare in Italia e parlarti di un’opera visibile sulla parete di un palazzo in via Liguria, nel capoluogo molisano di Campobasso. Si tratta di una delle ultime fatiche di Peeta (nome d’arte di Manuel di Rita) realizzata in circa un mese in occasione del progetto artistico di riqualificazione urbana “Draw the line.”

Come puoi notare dalla foto caricata sul profilo Instagram dell’artista, il murales anamorfico e di grandi dimensioni sembra inglobare il supporto sul quale è stato realizzato, soprattutto nella parte superiore, dove il blu sembra confondersi con il cielo.

Questa bellissima opera è stata inserita tra i venti migliori “street art murales” al mondo dell’anno 2016 secondo Il gruppo internazionale WideWalls, i cui componenti sono degli specialisti e cultori d’arte contemporanea.

Del resto, Di Rita è diventato noto in tutto il mondo grazie al suo stile inconfondibile. Le sue opere sono per la maggior parte composte da lettere in 3D che perdono il loro fattuale significato per acquistarne uno totalmente artistico. Lo si può notare da linee, ombre e colori che, nelle sue svariate opere, si intersecano per creare forme voluminose che si espandono in ogni direzione.

Se vuoi vedere altre opere dell’artista, facente parte dell’EAD crew di Padova, ti consigliamo di visitare la sua pagina Facebook e il suo profilo Instagram.

Immagine via Instagram