I draghi del Parco nazionale di Komodo

I draghi del Parco nazionale di Komodo

Una delle attrazioni più suggestive di tutta l’Indonesia è sicuramente il Parco nazionale di Komodo. Si tratta di un’area di 1817 km² che comprende le tre isole di Komodo, Rinca, Padar e altre isole minori. La zona divenne protetta nel 1980, quando le autorità locali decisero che era arrivato il momento di tutelare un animale unico al mondo che abita solo in queste zone: il varano o drago di Komodo.

[advertise id=”hello-amazon”]

In sostanza, i draghi di Komodo sono delle lucertole molto più grandi del normale. Possono raggiungere una lunghezza di oltre tre metri e un peso che si aggira intorno ai 70 chilogrammi in condizioni normali o superare i 160 chilogrammi in cattività. Sono stati scoperti nel lontano 1912 dal team di scienziati guidato dall’olandese J.K.H. Van Steyn, e il loro nome scientifico è Varanus komodoensis.

Uno scorcio dell'Isola di Komodo

Uno scorcio dell’isola di Komodo via

Nonostante i varani siano degli esseri molto affascinanti, bisogna precisare però che sono altrettanto pericolosi. I draghi di Komodo, infatti, sono carnivori: mangiano prevalentemente animali già morti e in un solo pasto riescono a ingurgitare una quantità di cibo pari a metà del loro peso corporeo. La cosa da evitare, però, è soprattutto il loro morso: la saliva di questi rettili contiene oltre 50 tipi di batteri diversi che nel giro di un giorno diventano letali.

Un esemplare di drago di Komodo via

Un esemplare di drago di Komodo via

Ma, di preciso, quanti esemplari esistono? Al momento se ne contano circa 5700. A riprova di ciò, nella lista rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) questa specie è stata inserita tra quelle “Vulnerable” (VU). In pratica, significa che al momento i varani non sono destinati a scomparire, ma hanno bisogno di essere altamente tutelati.

Tanto che già nel 1991 lo stesso Parco nazionale di Komodo è stato inserito tra i Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO. Non solo perché è la casa dei varani, ma anche per la biodiversità marina che ospita, dai pesci luna ai nudibranchia fino ad arrivare alle piovre dalla ventosa blu.

Immagine di Copertina