Il pittore non vedente che

Il pittore non vedente che "sente" i colori

A causa di un fulmineo attacco epilettico, nel 2001 John Bramblitt ha perso buona parte della vista. Da allora soffre di cecità funzionale: è in grado di distinguere soltanto le varie intensità di luce e di buio. Nonostante la malattia però, Bramblitt è riuscito a coronare il suo sogno: diventare un grande pittore.

[advertise id=”hello-amazon”]

La pittura è sempre stata la sua passione: potersi esprimere tramite il tratto, le forme e i colori gli è sempre sembrato il modo più semplice e diretto per comunicare agli altri le sue emozioni.

#bramblitt un pittore che ha perso la vista colui che i colori non li VEDE ma li SENTE! ❤

A post shared by Ilaria Grimaldi (@iilariagrim) on

Il suo stato di salute non ha fatto altro che acuire questa sua predisposizione: grazie alla sua forza di volontà, e a una tecnica particolare, John è in grado di dipingere quadri bellissimi, dal grande impatto cromatico. Ha trasformato il tatto in “vista”: attraverso le mani è in grado di orientarsi sulla tela.

Mentre stende il colore utilizzando la mano destra, Bramblitt percorre la tela con i polpastrelli della mano sinistra, cercando di focalizzarsi sulle linee in rilievo della trama. Dopo anni di pratica, i risultati sono sconvolgenti: il senso delle proporzioni e l’accostamento dei colori mostrano un talento cristallino. Impossibile capire che l’artista che ha dipinto il quadro è un non vedente.

#bramblitt

A post shared by Marina D'Eugenio (@marinadeugenio) on

“Nella prima mostra”, ha dichiarato “non ho detto a nessuno di essere cieco. Non l’ho detto non perché mi vergognavo, ma perché non volevo che le mie opere fossero percepite in modo diverso dal pubblico attraverso il filtro della mia cecità”.

Per dipingere, l’artista utilizza della vernice a presa rapida che asciuga in pochi secondi, così da evitare sbavature che non potrebbe controllare mentre lavora. A quanto pare, poi, non tutte le tempere a olio hanno la stessa consistenza ed è proprio toccandole che Bramblitt le riconosce. “Il bianco è pastoso e ha la consistenza del dentifricio. Il nero, invece, è più scivoloso.”

You appeared just like a dream to me #bramblitt #pittore #cieco #incanto #whenilookatyou

A post shared by FedericaLauri (@federica_lauri) on

I suoi soggetti sono invece ispirati interamente dai suoi ricordi. “La mia è una pittura che viene dalla memoria, dalla suggestione che ti ha lasciato un determinato volto o paesaggio.” Da questo punto di vista si può quasi dire che il suo stile sia impressionista.

Immagini: Copertina