Questo quadro di Caravaggio in 3D può essere ammirato anche dai non vedenti

Questo quadro di Caravaggio in 3D può essere ammirato anche dai non vedenti

Quando entriamo in un museo non pensiamo mai a quanto siamo fortunati nel poter godere di dettagli, sfumature e significato delle opere che ci vengono incontro tra i corridoi. Mentre per osservare le fotografie e i dipinti in cui ci imbattiamo utilizziamo la vista, alcune persone non possono farlo. Ma, per fortuna, qualcosa sta cambiando.

È stato riprodotto un quadro che esce letteralmente fuori dalla tela, tramite l’utilizzo di una tra le più moderne tecnologie di stampa 3D. Grazie a questa idea, le persone non vedenti e ipovedenti potranno senza problemi “ammirare” un quadro.

A essere precisi, si tratta della Flagellazione di Cristo del Caravaggio, che ha lasciato la sua solita dimora, il Museo Nazionale di Capodimonte di Napoli, per approdare alla Reggia di Monza. L’opera, percepibile con il senso del tatto e dalle giuste proporzioni, è esposta affianco al dipinto originale risalente a più di 400 anni fa.

caravaggio 3D 1

Caravaggio dipinse la Flagellazione durante il suo primo soggiorno napoletano che va dalla fine del 1606 ai primi di luglio del 1607. In questa scena inedita e ricreata per la prima volta nella storia dell’arte, tre carcerieri si apprestano a punire Cristo, prima della crocifissione, sommersi in giochi di luce e ombre.

caravaggio 3D

L’opera in 3D, invece, è stata realizzata dalla startup italiana Makersforart, che è partita dallo studio di un’immagine del quadro ad altissima risoluzione per renderlo tridimensionale, conservandone l’integrità estetica e concettuale. Dall’elaborazione dell’immagine 2D si è passati alla Flagellazione in 3D grazie alla tecnologia CJP, ColorJet Printing. Si tratta di una sorta di stampante speciale che permette la deposizione strato per strato di polvere di gesso, colorabile in un secondo momento.

caravaggio 3D 2

Per osservare e toccare con mano questo pezzo unico nella Reggia di Monza, hai tempo fino al 17 aprile.

Foto per gentile concessione di monzamakers