Rapporto tra suocera e nuora: come fare?

Rapporto tra suocera e nuora: come fare?

Il legame più conflittuale dalla notte dei tempi è quello tra suocera e nuora: l’una non sopporta l’altra.
Si sa, esistono mamme molto legate ai figli maschi e figli che ancora non hanno superato, forse, il complesso di Edipo. La gelosia della suocera pervade le giornate della nuora che avverte di aver varcato, involontariamente, un’area off limits di affetto di cui lei non ne faceva parte.
La suocera si sente soppiantata nel suo ruolo di first lady (suo figlio si è affidato a un’altra donna con cui si confida e passa la maggior parte del tempo) e, in casi estremi, comincia anche a mettere in cattiva luce la nuora stessa davanti agli occhi del figlio e della famiglia.
La nuora, dal canto suo, è pronta ad attaccare anche quando la suocera è lì solo per darle un consiglio.
I dissapori, i fraintendimenti sono la base per rovinare questi tipi di rapporti.
Allora cosa rimediare? Ecco alcune semplici regole da seguire.

Ascoltare

Durante le conversazioni, anche quelle futili su cosa mangiare alla cena di compleanno, è bene sempre ascoltare l’altra persona, cercare un compromesso tra quello che piace all’una o all’altra persona.

No intromissioni

Quando ci sono delle discussioni in corso, ad esempio tra moglie e marito o tra madre e figlio, se non direttamente coinvolta, la terza persona (suocera o nuora) sarebbe bene stesse al suo posto senza intromettersi e innescare nuovi attriti.

Mettere delle regole

Nessuna società civile ha mai retto senza regole. Anche nei rapporti sociali, soprattutto quelli difficili tra due entità che forse non si incontreranno mai, è bene stabilire dei modi di fare che riguardano alcune situazioni come ad esempio: non vedersi tutti i giorni, telefonarsi a vicenda prima di piombare l’una a casa dell’altra, chiedere il permesso per fare determinate cose etc.. A quel punto, stabilite delle regole, se una delle due va a violarle, si litigherà per giusta causa.

Evitare paragoni

I paragoni non hanno mai fatto bene a nessuno. Questa è una regola che va inserita nel decalogo della pacifica convivenza. La suocera non deve paragonare la nuora a se stessa, alla fidanzata precedente del figlio, alle compagne di amici. Questo creerebbe nella nuora un senso di sfida che riaprirebbe il cerchio delle liti. Dall’altra parte anche la nuora non deve paragonare la suocera a sua madre – soprattutto in presenza del suo compagno – oppure a delle sue colleghe o amiche più mature.

L’aiutino dall’uomo

Il marito o il figlio (il ruolo dipende da quale punto di vista lo guardiamo, se da quello della suocera o della nuora) deve metterci del suo e accettare di essere cresciuto: sarebbe preferibile evitare di fare il mammone per non gonfiare le ali della madre e confermarle di essere superiore alla sua compagna. Questo porterebbe tutti in quel circolo vizioso di scontri dal quale non si esce più.