Gli archivi digitali dove scaricare gratuitamente oltre 200.000 stampe giapponesi

Gli archivi digitali dove scaricare gratuitamente oltre 200.000 stampe giapponesi

La maggior parte di noi ha visto e apprezzato nelle recenti mostre italiane, le antiche stampe giapponesi, in particolare quelle della tradizione Ukiyo-e (浮世絵? immagine del mondo fluttuante), un genere di stampa artistica su carta e blocchi di legno, fiorita nel periodo Edo, tra il XVII e il XX secolo, nel Paese del Sol Levante. Il Metropolitan Museum of Art propone sul suo sito, una vasta collezione di stampe digitali da scaricare gratuitamente. Qualche tempo fa, ti avevamo già parlato di questo tipo di disegni e dove poterli scaricare. Oggi ti facciamo conoscere anche due nuovi archivi che regalano a tutti gli appassionati di arte un database ancora più ampio. Per l’esattezza più di 213 mila stampe. Scopriamole insieme.

hokusai onda stampa

L’archivio del Metropolitan Museum of Art

Il primo archivio si trova appunto nel sito del Metropolitan Museum. Le stampe vengono definite dal sito del museo, come “immagini accattivanti di cortigiane seducenti, eccitanti attori kabuki e famosi panorami romantici”. Dal 1600 queste stampe su legno erano molto ricercate e divennero note come “le foto del periodo Edo”. Nel 1765 le nuove tecnologie resero possibile la produzione di stampe a foglio singolo, in una vasta gamma di colori che determinò l’epoca d’oro della stampa. All’inizio del diciannovesimo secolo, Utagawa Hiroshige (1797-1858) e Katsushika Hokusai (1760-1849) riportarono l’arte ukiyo-e a un grande splendore, dipingendo bellissimi panorami, spesso con un tema stagionale, diventati capolavori dell’arte mondiale.

Hiroshige uccello stampa

Ukiyo-e il portale dove scaricare più di 213 mila stampe giapponesi

Puoi trovare migliaia di esempi anche nel vasto database del sito Ukiyo, un portale che consente di scaricare gratuitamente 213 mila opere di alcuni dei più grandi maestri giapponesi. Il catalogo online conserva anche alcune delle xilografie e dei dipinti di Hokusai e Hiroshige. Il sito è bilingue, inglese-giapponese, ed è un progetto lanciato nel 2012 che vanta opere provenienti da musei, università, biblioteche, case d’aste e rivenditori in tutto il mondo. Puoi fare una ricerca per testo o per immagine (se ti capita per esempio di avere delle stampe che vorresti identificare), oppure puoi navigare per periodo o per artista. Puoi trovare non solo l’età d’oro di Hiroshige e Hokusai (1804-1868), ma anche i primi anni di ukiyo-e, disegni del periodo della nascita della stampa a colori (dal 1740 al 1780), e persino l’età moderna e contemporanea (dagli anni ’50 ad oggi).

Hiroshige carpa stampa

La storia delle stampe Ukiyo-e: scene di vita giapponesi

Tutte le stampe più famose raffigurano scene di vita del periodo Edo. Alle origini il soggetto principale degli ukiyo-e era la vita in città, in particolare le attività e le scene dei quartieri dei divertimenti: belle cortigiane, lottatori di sumo e attori famosi erano ritratti mentre svolgevano il loro lavoro.

donne primavera 1

In seguito divennero popolari anche i paesaggi, mentre non apparvero quasi mai soggetti politici e di altre classi sociali all’infuori di quelle più basse (composte appunto da cortigiane, lottatori di sumo e attori). Il sesso non era un vero e proprio tema a sé, anche se compariva spesso in queste stampe. Gli artisti erano talvolta sottoposti a sanzioni per queste stampe di natura erotica, dette shunga.

Kabuki 1

Molte delle scene raffigurate sono disegni di attori del teatro Kabuki, che recitavano con costumi elaborati e trucco pesante in spettacoli molto divertenti per il pubblico, tratti da leggende e storie popolari. Il teatro Kabuki è una fusione di danza e teatro, derivato dall’antico teatro Nō, un tipo di teatro nato all’inizio del diciassettesimo secolo, grazie ad una donna, attrice e ballerina, di nome Okuni. Prima che diventasse un teatro tutto al maschile, il Kabuki ha subito una serie di trasformazioni. Dopo diversi anni di successi, il governo, nel 1629, approvò una serie di divieti contro le donne interpreti. Al loro posto subentrarono dei giovani ragazzi che subirono un simile divieto nel 1652, dopo aver attirato troppo l’attenzione degli omosessuali e finendo per essere sostituiti da attori più maturi.

Per approfondire: se vuoi conoscere la cultura giapponese puoi guardare gli ukiyo-e come esempio di storie di vita quotidiana e popolare. I due siti che ti abbiamo indicato, quello del Met MuseumUkiyo, sono ad oggi i siti più forniti se vuoi farti un’idea di quanto siano state importanti le stampe giapponesi anche per la cultura occidentale. Basta conoscere i lavori di Monet, ispirati ai grandi pittori giapponesi.

Fonte: Open Culture

Foto cover | | 2 | 3 | 4 | 5