Il sogno che ha ispirato

Il sogno che ha ispirato "Lo Strano caso del Dottor Jekyll e del signor Hyde"

I grandi artisti, si sa, prendono spunti per le loro opere da qualsiasi cosa: dalle loro suggestioni, dai loro sogni, o semplicemente dall’osservazione della realtà quotidiana. Per molti lettori o fruitori d’arte appassionati è sempre interessante e coinvolgente scoprire qual è stata la scintilla che ha fatto nascere il loro libro o la loro opera d’arte preferita.

Recentemente in un episodio molto interessante della serie inglese Today I Found Out è stata raccontata la nascita di un romanzo che ha segnato la storia della letteratura mondiale: Lo Strano caso del Dottor Jekyll e del signor Hyde, scritto da Robert Louis Stevenson.

Il romanzo narra la storia del dottor Jekyll, che dopo aver messo a punto una strana droga si trasforma in Hyde, un uomo violento e spaventoso, che comincia a terrorizzare Londra. Come si racconta nella puntata, Stevenson ebbe l’idea originale per creare la trama del romanzo da un strano sogno che fece una notte, mentre giaceva febbricitante nel letto.

Nel sogno Stevenson vide un uomo trasformarsi in un suo sosia maligno, e scatenare tutta la sua malvagità, e quando venne svegliato dalla moglie quella scena gli rimase impressa nella memoria. Tempo dopo, ripensando al sogno, decise di trasformare quel frammento in una vera e propria trama, che è poi passata alla storia come il primo romanzo fantastico in grado di comunicare in modo decisivo la scissione fra la parte positiva e la parte negativa dell’anima di ogni uomo.

Come si può capire, quindi, il genio dei grandi scrittori sta nel prendere le piccole ispirazioni che tutti abbiamo e trasformarle in qualcosa in grado di comunicare la condizione di tutti noi.

Immagini: Copertina