Questo studio conferma che il cane è davvero il migliore amico dell'uomo

Questo studio conferma che il cane è davvero il migliore amico dell'uomo

Stando a una ricerca sul comportamento cognitivo degli animali, quella del cane migliore amico dell’uomo è molto più che una frase fatta.

Il rapporto che lega l’uomo e il cane ha radici antichissime: si stima che l‘addomesticamento di questo animale possa risalire addirittura a 40.000 anni fa.

Questi mammiferi, inoltre, sono passati attraverso un attento lavoro di selezione da parte dell’uomo, e questo ha fatto sì che fra le due parti si creasse un rapporto quasi simbiotico.

foto1

Questo legame emotivo è stato ribadito dallo studio svolto all’Università di Kyoto da Kazuo Fujita, che ha appurato come i cani sviluppino una sorta di vera e propria repulsione verso le persone che trattano male i loro padroni. Arrivando al punto di rifiutare il cibo offerto loro da queste persone.

“Abbiamo scoperto per la prima volta che i cani fanno valutazioni sociali ed emotive delle persone a prescindere dal loro diretto interesse,” ha spiegato Fujita.

L’esperimento, che ha preso in analisi tre gruppi di 18 cani, inscenava una serie di giochi di ruolo che prevedevano la presenza del padrone e di altre due persone che assumevano degli atteggiamenti più o meno collaborativi nei suoi confronti.

Dopodiché i vari accompagnatori del padrone offrivano del cibo ai cani presi in esame, e i risultati hanno evidenziato come nella maggior parte dei casi in cui l’accompagnatore si era comportato male con il padrone, il cibo non veniva accettato. Cosa che, al contrario, non succedeva con i soggetti che si erano dimostrati collaborativi.

foto2

L’esperimento ha chiarito insomma come i cani siano in grado di cooperare socialmente con le persone che si dimostrano parte del loro “branco“.

“Questa capacità è uno dei fattori chiave per la costruzione di una società umana altamente collaborativa, ed è una caratteristica che si sviluppa nell’uomo a partire dai tre anni. Questo studio mostra, quindi, come anche i cani condividano questa capacità con gli esseri umani,” ha detto Fujita.

Al di là delle mere osservazioni scientifiche, però, rimane l’ulteriore conferma del fatto che quello fra cane e uomo è uno dei rapporti più profondi in natura.

Immagini via Flickr | Flickr | Flickr