La tomba di Hochdorf: la più importante sepoltura celtica mai rinvenuta

La tomba di Hochdorf: la più importante sepoltura celtica mai rinvenuta

La tomba del re celtico di Hochdorf è un monumento poco conosciuto, ma che in realtà storicamente riveste una rilevanza pari a quelle di altre grandi scoperte archeologiche, come la camera mortuaria di Tutankhamon.

[advertise id=”hello-amazon”]

Scoperta nel 1979, nella piccola città tedesca di Hochdorf, questa tomba fu in grado di svelare molte informazioni utili sulla civiltà celtica del VI secolo a.C., in particolare della cultura di Hallstatt.

È probabilmente la più importante sepoltura celtica mai rinvenuta, fra quelle trovate nella zona che va dalla Germania occidentale fino alla Francia. Le decorazioni sfarzose, conservate in uno stato ottimo, hanno fatto comprendere ai ricercatori che si trattava della tomba di un re: costruita all’incirca fra il 550 e il 500 a.C.

Il corpo del defunto era adagiato in un sarcofago di bronzo, che poggiava su ruote, e che all’interno era stato finemente intagliato e decorato con inserti di corallo. Era stato sepolto con un pugnale e una collana d’oro—simboli del suo alto rango—e altri oggetti di uso comune che avrebbero dovuto essergli utili nell’aldilà.

All’interno del sepolcro c’era un vero e proprio corredo mortuario: coppe, calici e stoviglie per nove commensali; un corno da cui bere; un carro a quattro ruote con inserti in metallo, e molto altro ancora.

E sono proprio questi oggetti che testimoniano le contaminazioni artistiche che i Celti già avevano ottenuto con altre culture, e che rappresentano il valore storico di questa tomba. L’intero impianto funerario, benché celtico e rinvenuto in Germania, si rifaceva sicuramente alla cultura funeraria italica.

Il tumulo originariamente era di circa sei metri di altezza, ma l’erosione del terreno aveva ridotto di molto le dimensioni. Soltanto un cumulo di pietre in cerchio testimoniava la posizione del sepolcro. Grazie ad esso, però, è stato possibile rinvenire molti altri reperti simili.

Immagini: Copertina