Conosci il “trucco del telefono” per rendere le fotografie più surreali?

Conosci il “trucco del telefono” per rendere le fotografie più surreali?

Conosci il trucco del cellulare? L’ha condiviso il fotografo di matrimoni Mathias Fast. È incredibilmente semplice, ma l’effetto finale è notevole.

Ogni fotografo, non per forza alle prime armi, è sempre attento e ricettivo quando ci sono suoi colleghi pronti a dispensare consigli. L’approfondimento, nell’arte fotografica, si basa anche su questo.

Abbiamo visto il trucco del palloncino, quello dell’asciugamano, quello della polvere colorata, i trucchi per migliorare le composizioni fotografiche e noi stessi abbiamo dispensato qualche utile consiglio sulla regola dei terzi.

Il trucco, di cui ha parlato Mathias Fast su questo blog, è a costo zero. Ed è in grado di migliorare i nostri ritratti rendendoli un pizzico più magici, più surreali. Il margine di miglioramento e di virtuosismo è ampio, a discrezione del fotografo che può generare, via via che padroneggia la tecnica, effetti sempre più articolati.

Il trucco dello schermo del cellulare

Prima di tutto bisogna prendere il proprio smartphone. Possibilmente con uno schermo ampio per usarlo come specchio riflettente. Prima dello scatto si deve posizionare il cellulare di taglio, orizzontalmente, sotto l’obiettivo. Con lo schermo rivolto, ovviamente verso l’alto. In questa foto viene mostrato come. Ma volendo si può anche mettere in obliquo. Puoi sistemarlo come meglio credi tenendo sempre d’occhio la scena nel mirino. Guardandola scoprirai che una parte dell’immagine viene riflessa. Muovendo lo schermo, l’effetto del riflesso coinvolge le sezioni dell’immagine che vogliamo modificare.

Un telefono è quasi sempre nella mia tasca, ed è per questo che lo trovo uno strumento pratico da usare.

Ovviamente il trucco non funziona solo ed esclusivamente con un cellulare, visto che stiamo parlando di specchio riflettente. Si possono usare tutte le superfici riflettenti che ci vengono in mente o che si hanno a portata di mano durante il nostro scatto.

Usare il cellulare, cominciare da lì, è utile per gestirlo e imparare a dominarlo al meglio. Fino ad arrivare a veri scatti ambiziosi. Mathias ha ammesso di aver usato, una volta, persino la superficie riflettente dell’orologio che aveva al polso. Per far rimbalzare una luce “interessante” all’interno della scena.

Un trucco da usare con moderazione

Non sono certo la prima persona al mondo a usarlo, ma “l’ho scoperto” per caso durante un matrimonio. Un giorno stavo fotografando la sposa durante la preparazione. Le damigelle avevano lasciato i loro telefoni sul tavolo davanti alla mia macchina fotografica. Ho visto subito i riflessi che i loro schermi stavano creando. Mi sono reso conto che con la giusta angolazione e la corretta distanza avrei potuto incorporare quei riflessi nella fotografia, nascondendo il fatto che venissero da un telefono.

L’invito di Mathias è quello di usare il trucco del cellulare con parsimonia e moderazione. Soltanto, cioè, quando la scena che abbiamo sott’occhio lo richiede. Come tutti i trucchi, anche questo può, alla lunga, essere stucchevole. Bisogna stare attenti al modo in cui lo si incorpora nell’immagine. A volte gli effetti sono leggeri e delicati, altre volte molto più pesanti.

Sul sito ufficiale di Mathias Fast e sui suoi profili Instagram e Facebook puoi vedere, tra i suoi lavori, anche alcuni scatti dove usa questa particolare tecnica.

Immagine di copertina