L'uomo che donando il sangue ha salvato due milioni di vite

L'uomo che donando il sangue ha salvato due milioni di vite

James Harrison ha 78 anni e in Australia è considerato un eroe nazionale. Lo chiamano l’uomo dal braccio d’oro”.

Quello che rende James Harrison così amato nel suo Paese è il suo sague. Di un tipo estremamente raro, il plasma sanguigno di James contiene un anticorpo in grado di curare l’eritroblastosi fetale.

Quando era ancora un ragazzo il padre gli spiegò che la donazione può salvare moltissime vite, e così James dall’età di quattordici anni, dopo un periodo in ospedale che lo ha costretto a ingenti trasfusioni, è diventato un donatore. Lo fa da sessant’anni, ogni settimana.

Il sangue di James, donato per più di mille volte, è riuscito a salvare due milioni di vite.

Jemma Falknemire, dottoressa della Croce Rossa Australiana, ha detto: “Nessun altro sarebbe stato in grado di fare quello che ha fatto James in tutti questi anni. Purtroppo tra due anni non potrà più donarlo, ma mi auguro che qualcuno segua il suo esempio”.

Impresa è ancora più titanica se si conta anche il fatto che James dalla prima donazione non ha mai smesso di avere paura dell’ago. “Non lo guardo entrare nel braccio, mai. Preferisco fissare il soffitto o l’infermiera, ma il sangue non riesco proprio a guardarlo”.

Immagine via YouTube