Cinema e musei chiusi: dove vedere gratis film e opere d'arte online

Cinema e musei chiusi: dove vedere gratis film e opere d'arte online

Date le procedure d’emergenza scattate in questa settimana nel Nord Italia, i cinema e i musei di alcune regioni sono stati chiusi e i film in uscita rinviati. Ma per far fronte a questa “quarantena culturale” sono molte le iniziative dei comuni e delle associazioni statali per far fruire ugualmente ai cittadini opere d’arte e film. Come? Online. L’assenza sembra infatti colmata, oltre che da Netflix, Raiplay e da molti portali di film e serie tv in streaming, anche da istituzioni importanti, come la Cineteca di Milano che ha messo a disposizione in questi giorni un catalogo con oltre 500 titoli, da vedere comodamente in casa, in streaming e gratuitamente. Come accedere al servizio della Cineteca? Basta una registrazione e seguire le istruzioni: si può scegliere tra centinaia di capolavori del passato.


Anche i musei si sono attrezzati. Esistono infatti anche altre iniziative virtuali che stanno prendendo piede in questi giorni. Per scoprirle tutte ti basta digitare un hashtag: #museichiusimuseiaperti, un progetto online volto a divulgare i contenuti dei musei attraverso i canali social. Tra quelle più interessanti c’è l’idea della Pinacoteca di Brera, che ha avviato la serie “Appunti per una resistenza culturale”: in alcune clip condivise sui social network, il personale del museo racconta i capolavori dell’arte e legge brani dai volumi conservati nella biblioteca. “Siamo chiusi, ma questo non vuol dire che il cuore ha smesso di battere”, dice nel primo video il direttore James M. Bradburne.

A Milano sono tanti i musei e i luoghi culturali che propongono visite virtuali, lezioni online o solo condivisioni di opere sui social: dal Castello Sforzesco di Milano, passando per la Galleria d’Arte Moderna.
La soluzione digitale è stata adottata anche a Bologna, al MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna che, nell’ambito della mostra AGAINandAGAINandAGAINand, dal 27 febbraio all’1 marzo sul canale YouTube MAMbo channel, renderà fruibile in streaming Bonjour, performance ambientale di Ragnar Kjartansson in cui due attori si trovano in un villaggio francese degli anni Cinquanta.
Lo strumento della diretta streaming è stato inoltre adottato dal Museo Archeologico di Venezia, che ha aperto al pubblico della rete le porte del proprio museo.

Per approfondire: se vuoi vedere altre opere d’arte, ti abbiamo già parlato del trasferimento negli archivi digitali delle collezioni del Met, del MoMa, del Museo Van Gogh, della Fondazione Guggenheimdel Los Angeles County Museum of Art (LACMA), oppure della Barnes Foundation che ha pubblicato online più di 2000 opere d’arte del suo patrimonio. Senza parlare della digitalizzazione, anche in questo caso libera e gratuita, di migliaia di stampe della Belle Époque, dei libri d’arte del Getty Museum, o dei saggi del Guggenheim. Insomma esperienze visive digitali che renderanno felici tantissimi amanti dell’arte.

Cover: GettyImages