Ora puoi consultare gratuitamente il vocabolario di una delle lingue più antiche del mondo: l'accadico

Ora puoi consultare gratuitamente il vocabolario di una delle lingue più antiche del mondo: l'accadico

Conoscere una lingua vuol dire avere a disposizione un portale spazio-tempo in grado di trasferirci in una cultura e una civiltà diversa. A volte riusciamo anche ad andare oltre, e capire come pensano gli altri animali, come grazie a questo strumento che traduce le nostre parole in “elefantese“.

Altre volte le lingue possono essere completamente diverse da come le immaginiamo, come quella dei fischi in Grecia. Esistono lingue semplici, formate da poco più di 100 parole e altre più complesse. Ma per per imparare ognuna di queste vale sempre il monito: non è mai troppo tardi.

Proprio seguendo questo consiglio vogliamo proporti un vocabolario incredibile, compilato qualche anno fa e oggi consultabile gratuitamente online: quello della lingua accadica, la lingua semitica più antica mai attestata. Un modo originale per fare un tuffo nel passato di più di 2000 anni.

La lingua accadica è una lingua semitica, termine coniato per la prima volta nel 1781 dal linguista Schlözer per designare le lingue parlate dalle popolazioni che un passo biblico fa discendere da Sem, figlio di Noè.

Il nome deriva dalla città di Akkad, centro dell’impero (il primo della storia), ma che ancora oggi non è stato rintracciato con certezza. I testi in accadico risalgono più o meno alla metà del III millennio a.C. Frammenti di carattere scientifico, militare, politico e mitologico principalmente su tavolette di cera. Era la lingua usata dal sovrano babilonese Hammurabi per il suo codice.

Nessuno la parla più da 2000 anni (anche se si può risentire in alcuni passaggi dell’arabo ad esempio), gli ultimi studi scolastici della lingua terminarono nel I secolo d.C. La studiavano a scuola come più o meno oggi facciamo con il latino e il greco.

Nel 2011, un team di ricerca dell’università di Chicago è riuscito a compilare il primo vocabolario completo della lingua accadica: un lavoro che ha impiegato 90 anni (è stato iniziato nel 1921, dall’archeologo e storico statunitense James Henry Breasted), ed è stato pubblicato su 21 volumi.

Oggi, questa impresa è online e consultabile gratuitamente. La notizia è stata riportata da openculture che ha rivelato che proprio sul portale dell’università si possono scaricare i PDF . Non soltanto un’occasione per leggere la lingua semitica più antica del genere umano, ma ammirare il lavoro incredibile svolto da questi ricercatori.

Ma qual era il suono dell’accadico? Sempre su openculture puoi ascoltare un frammento con l’accento originale. È un passo dell’Epopea di Gilgamesh, una delle più antiche testimonianze letterarie dell’umanità. Un testo, per intendersi, talmente antico e importante che influenzò anche alcuni alcuni contenuti della Bibbia.

Immagine via Flickr