L'autostrada che ricarica le macchine elettriche mentre viaggiano

L'autostrada che ricarica le macchine elettriche mentre viaggiano

Immagina di guidare una macchina elettrica senza aver bisogno di fermarti mai per ricaricarla; strano, vero? Eppure tra poco, già dall’anno prossimo, gli automobilisti inglesi avranno questo privilegio.

Si stanno già testando le prime strade che ricaricano attraverso una tecnologia wi-fi le macchine elettriche che le percorrono.

Grazie ai cavi elettrici sepolti sotto il manto stradale vengono generati dei campi elettromagnetici che vengono catturati da una bobina all’interno del veicolo che li converte in energia elettrica.

Questo risolverebbe uno dei grandi problemi delle macchine elettriche: fermarsi spesso per essere ricaricate. La tecnologia wi-fi fa parte del Road Investment Strategy delle Autostrade del Regno Unito.

Non è la prima volta che viene usata questa tecnologia; già nel 2013, in una città della Corea del Sud alcuni autobus speciali sono stati alimentati “senza fili” su una strada di 12 chilometri.

Il progetto inglese è più ampio e più audace, coinvolgendo un numero molto più grande di automobilisti. Un modo sicuro ed efficace che consente ai veicoli a basso impatto ambientale di percorrere lunghe distanze sulle autostrade e sulle strade principali del paese senza continue fermate. Un incentivo grandissimo per acquistare una di queste macchine.

Il ministro dei Trasporti, Andrew Jones ha informato che “il governo britannico sta già investendo più di 500 milioni di sterline per il progetto. La nuova tecnologia autostradale contribuirà a creare una rete più sostenibile per l’Inghilterra e aprire nuove opportunità per le imprese che trasportano merci in tutto il Paese.”

Nell’attesa di constatare l’efficacia di questa tecnologia sulle autostrade più trafficate, sono stati incrementati i punti di sosta lungo tutta la rete autostradale, uno ogni trenta chilometri, per ricaricare le macchine elettriche. Un grandissimo esempio di cosa vuol dire semplificare la vita di tutti i giorni mettendo sempre al primo posto il rispetto per l’ambiente.

Immagine via YouTube