Questo bambino di sei anni è il più giovane fotografo di National Geographic

Questo bambino di sei anni è il più giovane fotografo di National Geographic

Lo ha già dimostrato in passato Mozart: non è mai troppo presto per cimentarsi in una forma d’arte. Per confermare questa tesi, oggi vogliamo parlarti di Hawkeye Huey, il bambino che a soli sei anni è già nel team dei fotografi di National Geographic. Ma partiamo dal principio.

È l’aprile del 2014, quando Hawkeye riceve la sua prima macchina fotografica, proprio nel giorno del suo quarto compleanno. Nella sua casa di Seattle, scarta una Fujifilm Instax 210, una polaroid che stampa direttamente delle istantanee. Si tratta di un regalo del padre, Aaron Huey, fotografo professionista.

fotografo 9

“Alla prima fotografia ho subito spiegato a Hawkeye che aveva bisogno di sbattere velocemente la polaroid avanti e indietro per poterla sviluppare: ora lo fa a ogni scatto e la porge subito alla persona fotografata”, racconta Aaron.

Aaron, tra l’altro, spiega di aver scelto una macchina fotografica analogica per far capire al figlio il valore fisico e reale delle immagini che si colgono. È un insegnamento che ha imparato lui stesso dai suoi viaggi in giro per il pianeta, dalle vette più alte ai deserti più caldi: un passaggio di conoscenze di padre in figlio.

fotografo 6

Quindi, per applicarlo in maniera pratica, i due iniziano un viaggio di 2 anni e 2 mesi per visitare tutto il West americano. Si dirigono da Seattle verso la California del Sud, salgono sulla cima del Monte della Salvezza, visitano i mercati della Navajo Nation, partecipano al Cody Night Rodeo, attraversano tutta la costa di Las Vegas.

fotografo 4

Le immagini che ne vengono fuori sono tecnicamente imperfette, ma genuine: da un lato si possono osservare paesaggi di tutti i tipi e ritratti ad altezza bambino, dall’altro corpi tagliati e prospettive completamente nuove. Una selezione di queste fotografie puoi osservarle sull’account Instagram di Hawkeye, mentre altre sono state raccolte in un libro pubblicato da Outsiderbooks.

Immagini via Instagram